1866-2016: i 150 anni del Canale Cavour

16/05/2016

© Federico Ranghino – Riproduzione vietata

Il canale che ha permesso la coltivazione del riso nella Pianura padana ha compiuto 150 anni. Un’imponente opera idraulica proposta già negli anni quaranta del XIX secolo da Francesco Rossi, un agrimensore alle dipendenze di Cavour. In realtà, come scopriamo nel racconto di Federico Ranghino che ha percorso a piedi il canale per scoprirne tutti i segreti, inizialmente il progetto fu osteggiato proprio dal Conte di cui porta il nome.
Modificato dall’ingegnere Carlo Noè, il progetto fu ripreso e infine attuato soltanto nel 1863, dopo la morte di Camillo Benso, e terminato in soli 33 mesi da 14mila uomini.
Per commemorare la ricorrenza, ad aprile è stata inaugurata  una mostra (La Stampa) a Chivasso, dove pochi metri a valle del ponte sul Po inizia il prelievo delle acque che formano il canale. (a lato: La chiusa di presa del Canale Cavour sul Po a Chivasso. Qui inizia tutto.)

 

© Federico Ranghino – Riproduzione vietata

Le caratteristiche

Lungo 86 km, il canale corre nella pianura fino al Ticino. Attraversa affluenti e subaffluenti a nord del Po, a volte su ponti (i principali su Dora Baltea, Cervo, Rovasenda e Marchiazza), a volte in sottopassi (i principali sotto i fiumi Elvo, Sesia, Agogna e Terdoppio).  La più importante opera idraulica realizzata per il canale è il sifone sotto il fiume Sesia. (a lato: la copertura delle tombe-sifone, un tunnel lungo 256 metri, grazie al quale il Canale Cavour supera il fiume Sesia nei pressi di Greggio (VC)).

 

© Federico Ranghino – Riproduzione vietata

Il primo tratto, da Chivasso a Saluggia, fa parte del Parco del Po e Collina torinese, riconosciuta come Riserva della Biosfera a marzo di quest’anno. Vicino a Saluggia, subito dopo il ponte sulla Dora Baltea, il canale ne riceve parte delle acque attraverso il Canale Farini, un condotto sussidiario costruito tra il 1868 e il 1869. (a lato: il grande ponte-canale grazie al quale il Cavour supera la Dora Baltea nei pressi di Saluggia. La foto è stata scattata durante il periodo della secca del canale per manutenzione).

 

© Federico Ranghino – Riproduzione vietata

Grazie all’apporto delle acque della Dora Baltea, che al contrario del Po ha piene estive, il Canale Cavour ha un regime regolare che consente di allagare le risaie. (a lato: lo scaricatore di Formigliana. Gli scaricatori sono chiuse che hanno il compito di espellere l’acqua in eccesso dal Canale Cavour ed immetterla in un corso d’acqua naturale poco distante).

Il canale termina a Galliate, a nord-est di Novara, dove uno scaricatore ne immette le acque nel Ticino.


 

Fare Geo

Canale_cavour_location_mapUtilizza Maps e Street View per seguire il corso del canale dal ponte di Chivasso (View Street) fino a Galliate (View Street).
• Individua le principali cittadine vicino a cui passa il Canale Cavour ed elencale precisandone la provincia.
• Posizionandoti sui ponti che attraversano il canale cattura qualche immagine delle risaie allagate che si trovano a lato (indica vicino a quale cittadina sono state prese).

In «Geostoria»

Il luogo del mese: il Monte Ortigara

17/10/2018 da Carlo Guaita

Inauguriamo con questo post una serie di contributi a cadenza mensile dedicati a luoghi geografici significativi dal punto di vista geografico, storico o culturale. Tra poche settimane, il 4 novembre 2018, sarà celebrato il centenario dell’armistizio che segnò la fine dei combattimenti della Prima guerra mondiale...

leggi

Geografia e fotografia: come è evoluto il loro rapporto nella storia?

12/04/2018 da Redazione Geografia

Nel corso della storia la fotografia si è rivelata uno strumento indispensabile nella documentazione del territorio e nello studio delle sue trasformazioni. Marco Maggioli, professore ordinario di Geografia allo IULM di Milano, propone una riflessione su questo tema, utile alla preparazione per il concorso “Fotografi di classe 2018: I luoghi dell’incontro...

leggi

Insegnare storia

22/03/2018 da Redazione Geografia

Francesco Monducci è il curatore di Insegnare storia, un testo giunto ora alla terza edizione che si propone di offrire una panoramica completa e aggiornata delle pratiche didattiche attive dell’area geostorico-sociale, dalla scuola Primaria alla Secondaria di secondo grado...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA