40 milioni di anni fa l'Antartide era una terra verde

03/07/2011

L’Antartide, oggi coperta da una coltre di ghiaccio che raggiunge quasi 5.000 metri di spessore, in passato aveva un clima meno rigido ed era coperta di vegetazione. Questa la scoperta fatta da ricercatori dell’università Rice di Houston e riportata dall’ANSA.
Nel periodo più caldo, tra 55 e 40 milioni di anni fa, le temperature raggiungevano i 10° C sopra lo zero e il terreno era coperto da boschi di conifere e dalla tundra. Solo in seguito al raffreddamento, durato 37 milioni di anni, il continente si è trasformato nell’immenso deserto di ghiaccio attuale. Ma adesso il clima cambia nuovamente e l’Antartide si sta rapidamente riscaldando.

 

L’Antartide vista dallo spazio

Passato e futuro dell’Antartide

 

Secondo il geologo marino John Anderson, autore principale dello studio, per poter fare previsioni sui cambiamenti futuri della calotta antartica è necessario conoscerne il passato. E la storia climatica dell’Antartide può essere “letta” nei pollini che si sono depositati sui fondali delle piattaforme continentali che circondano il continente. Non è stato facile prelevare i pollini dagli strati di roccia sedimentaria del fondale, ma nel 2003, con una nave rompighiaccio attrezzata per la perforazione, sono state estratte carote di roccia lunghe un centinaio di metri.

 

Polline fossile di Nothofagus fusca, pianta un tempo presente in Antartide e oggi endemica della Nuova Zelanda

Sono stati individuati pollini di molte specie di piante, alcune oggi presenti in Nuova Zelanda. Lo studio dei pollini ha permesso di scoprire che i cambiamenti hanno avuto inizio circa 37 milioni di anni fa con la formazione dei ghiacciai, che poi hanno continuato a estendersi. Colpa di una diminuzione dell’anidride carbonica nell’atmosfera che ha ridotto l’effetto serra e fatto calare le temperature. La maggior parte del continente 36 milioni di anni fa era già ghiacciato, a eccezione della Penisola Antartica, ultima zona a essere coperta dai ghiacci circa 13 milioni di anni fa.
Oggi, con l’aumento dell’anidride carbonica nell’aria, si sta invece assistendo al processo inverso: i ghiacci si ritirano e l’Antartide potrebbe tornare a essere verde. L’aumento delle temperature registrato nel continente antartico negli ultimi decenni è ben sei volte superiore a quello del resto del mondo. Lo scioglimento della calotta farebbe innalzare il livello dei mari con gravi conseguenze per le comunità costiere. Ecco perché è importante fare previsioni corrette.
Ulteriori informazioni nel sito (in inglese) “Watts Up With That?“.

In «Ambiente»

Video 3D con Relive, l’app per giovani geografi in vacanza

30/05/2019 da Luca Montanari

Le vacanze estive sono alle porte e per i giovani studiosi di geografia è il momento di mettersi alla prova divertendosi, in qualunque contesto all’aria aperta e in compagnia degli amici. Un anno dopo le “5 attività da non perdere per giovani geografi in vacanza”, proponiamo di realizzare coinvolgenti video 3D con l’app Relive, che consente di tenere traccia delle escursioni, registrando dati geografici come condizioni meteorologiche, elementi dell’ambiente naturale e attività umane...

leggi

Esperienze di turismo responsabile: la villeggiatura

16/05/2019 da Daniela Campora

Nel primo post dedicato alle buone pratiche di turismo responsabile, abbiamo raccontato alcune esperienze di turismo di comunità. Esploriamo ora la villeggiatura responsabile: quali caratteristiche devono avere le strutture ricettive destinate a questa forma di turismo? a quali tipologie appartengono e quali attività organizzano? Ecco alcuni esempi presenti sul territorio italiano...

leggi

Festival dello Sviluppo Sostenibile: 17 giorni per il nostro futuro

10/05/2019 da Redazione Geografia

Dopo il successo delle prime due edizioni, dal 21 maggio al 6 giugno 2019 torna il Festival dello Sviluppo Sostenibile: centinaia di eventi su tutto il territorio nazionale, di cui molti dedicati al mondo della scuola...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA