Alla scoperta di biomi ed ecoregioni

14/06/2018

Nella seconda metà del secolo scorso sono stati proposti alcuni schemi di classificazione degli ambienti. L’ultimo, realizzato nel 1998 da un team di biologi per il WWF, ha individuato 14 biomi terrestri, costituiti da oltre 800 ecoregioni, che a loro volta comprendono differenti ecosistemi. Ma che cosa si intende con questi termini?
I 14 biomi sono individuati dalla vegetazione tipica e variano dalle zone più piovose a quelle più aride, da quelle più fredde a quelle più calde, dal livello del mare alle vette delle montagne. I biomi possono presentare caratteristiche climatiche simili anche se si trovano in zone lontane della superficie terrestre. Oltre ai biomi terrestri, sono stati individuati anche biomi d’acqua dolce e marini.
Le ecoregioni sono le suddivisioni regionali di ogni bioma che differiscono per la collocazione, per piccole variazioni di clima e per le specie vegetali e animali che le abitano. Possono comprendere più ecosistemi.
Gli ecosistemi sono costituiti da un ambiente fisico (territorio e clima) e dagli esseri viventi che vi abitano (animali, vegetali, batteri…) che interagiscono tra loro mantenendo un equilibrio dinamico.
Sulla superficie terrestre, inoltre, sono state individuate 8 ecozone (o regni biogeografici), suddivisioni della biosfera che non coincidono con i continenti. Si tratta di macroregioni in cui flora e fauna presentano caratteristiche particolari dovute alla creazione di barriere naturali che hanno portato a diversi percorsi evolutivi.

La mappa interattiva dei biomi e delle ecoregioni
Questa classificazione è stata utilizzata dal sito Ecoregions2017, che mette a disposizione una mappa interattiva con biomi ed ecoregioni.
Nella mappa con i biomi sono indicate 15 zone: oltre ai 14 biomi, sono segnalate le terre prive di vegetazione dove sono presenti solo ghiaccio e roccia (Antartide, Groenlandia e le alte vette himalaiane).

Cliccando su un punto qualsiasi del planisfero viene visualizzato un box con un’immagine generica della vegetazione tipica e il nome bioma, il nome dell’ecoregione selezionata e l’ecozona cui appartiene.
Scegliendo “protected”, il planisfero visualizza il livello di protezione degli ambienti naturali nelle varie ecoregioni: l’obiettivo è arrivare a proteggere il 50% del territorio.

Spostando l’omino di Street View (visibile in basso a destra) sul punto prescelto, è possibile osservare l’ambiente presente. Dato che le immagini di Street View sono in gran parte riprese viaggiando lungo le strade, in parecchi casi si osserva l’ambiente antropico e non quello naturale.
Esaminiamo, per esempio, il tratto della mappa  in cui si vede l’ecoregione delle “mangrovie indocinesi” (in rosa), che fa parte del bioma “mangrovie” e si trova nell’ecozona “indomalese”. La freccia in alto indica il punto scelto per l’osservazione e quella in basso l’immagine fornita da Street View  in cui si vedono le caratteristiche piante con le radici che si  immergono nell’acqua (WWF).

Individuiamo poi le ecoregioni del bioma “foreste, boschi e macchia mediterranea” che circondano il Mar Mediterraneo. Gran parte del territorio italiano fa parte di questo bioma, ad eccezione della pianura Padana, delle Alpi e delle cime più alte degli Appennini.

Fare Geo

  • Vai alla scoperta di un’ecoregione: accedi al sito, scegline una, precisa il bioma e l’ecozona cui appartiene, individua gli ecosistemi presenti e le loro caratteristiche. Poi utilizza Street View e osservala direttamente e infine prepara una relazione su quanto hai scoperto. Puoi trovare notizie sul sito del WWF (in inglese) dove sono descritti i 14 biomi terrestri, qui indicati come “maggiori habitat”, e le 867 ecoregioni terrestri.
  • Seleziona la mappa con il grado di protezione del territorio, osserva la situazione del territorio italiano e descrivila confrontandola con quella del resto dell’Europa.

In «Ambiente»

Mar Caspio e Mar Morto: due laghi salati da record

12/07/2019 da Silvia Minucci

Mari o laghi? Il loro nome non inganni: Mar Caspio e Mar Morto in realtà sono laghi salati. E hanno caratteristiche da record.   I laghi, infatti, non sempre sono d’acqua dolce, alcuni hanno acque salate: sono quelli che si trovano al centro di bacini endoreici, cioè privi di uno sbocco al mare o all’oceano...

leggi

Video 3D con Relive, l’app per giovani geografi in vacanza

30/05/2019 da Luca Montanari

Le vacanze estive sono alle porte e per i giovani studiosi di geografia è il momento di mettersi alla prova divertendosi, in qualunque contesto all’aria aperta e in compagnia degli amici. Un anno dopo le “5 attività da non perdere per giovani geografi in vacanza”, proponiamo di realizzare coinvolgenti video 3D con l’app Relive, che consente di tenere traccia delle escursioni, registrando dati geografici come condizioni meteorologiche, elementi dell’ambiente naturale e attività umane...

leggi

Esperienze di turismo responsabile: la villeggiatura

16/05/2019 da Daniela Campora

Nel primo post dedicato alle buone pratiche di turismo responsabile, abbiamo raccontato alcune esperienze di turismo di comunità. Esploriamo ora la villeggiatura responsabile: quali caratteristiche devono avere le strutture ricettive destinate a questa forma di turismo? a quali tipologie appartengono e quali attività organizzano? Ecco alcuni esempi presenti sul territorio italiano...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA