Brexit, che Europa sarà senza Londra?

27/09/2016

Il 23 giugno 2016 i cittadini della Gran Bretagna scelgono con un referendum di lasciare l’Unione europea. Anziani, pensionati, classi meno istruite optano per la linea anti-UE (il leave – andare via – conquista il 51,9%), mentre giovani, studenti e laureati, perlopiù concentrati nelle città universitarie e nelle metropoli, votano per il remain (rimanere, vincente solo in Scozia e Irlanda del Nord). Un milione di voti britannici decreta così la fine del tentativo di unità perseguito a Bruxelles da quattro generazioni di politici. Il voto degli inglesi, azzardato dal premier David Cameron che lo aveva inserito nel programma elettorale del 2015, diventa infatti cruciale non solo per il futuro di Londra, ma per la tenuta della stessa Unione, accerchiata dalla crescita dei movimenti euroscettici, dalla crisi dei migranti, dal terrorismo islamico e dal braccio di ferro con la Russia di Putin. Colpita al cuore, l’UE deve trovare il modo di rinnovarsi.

> Brexit, ecco chi ha deciso l’uscita dall’Europa. Il video commento di Gianni Riotta
brexit-video

“Il risultato di Brexit rappresenta la fine di un’Europa così come l’abbiamo conosciuta. l’Europa dove i Paesi facevano la coda per entrare, l’Europa garanzia della pace, l’Europa premio Nobel per la Pace. Tutte cose di cui ci siamo anche vantati. Nel frattempo l’Europa è diventata un’altra cosa.”

> Guarda il video

 

 

> La rabbia dei giovani a Londra: con la Brexit non avremo nessun futuro
brexit-cosa-ne-pensano-i-giovani-inglesi

“Il risultato di Brexit rappresenta la fine di un’Europa così come l’abbiamo conosciuta. l’Europa dove i Paesi facevano la coda per entrare, l’Europa garanzia della pace, l’Europa premio Nobel per la Pace. Tutte cose di cui ci siamo anche vantati. Nel frattempo l’Europa è diventata un’altra cosa.”

> Guarda il video

 

 

> Esultanza e rabbia: i due volti della notte di Brexit
foto-risultati-brexit

“C’è chi ha esultato e brindato, come il leader dell’Ukip Nigel Farage e chi, quando i “leave” iniziavano a prevalere sui “remain”, ha manifestato tutto il proprio sconforto e la delusione per la scelta dei britannici di lasciare l’Ue. Ecco una galleria con i due volti della notte di Brexit ”

> Guarda la gallery fotografica

 

Leggi lo speciale Brexit su E20

In «Geografia socio-economica»

La città dalle strade senza nome

04/10/2018 da Francesco Cassone

La medievale Sarlat, nel sud-ovest della Francia, è uno dei borghi più belli di Francia e ha una suggestiva peculiarità: molte delle vie del suo centro storico non hanno nome. Questa caratteristica dal sapore antico contrasta però con le necessità del mondo contemporaneo, in particolare quella di avere una connessione Internet...

leggi

Capitali del mondo: alcune curiosità, che forse non conoscete

28/06/2018 da Silvia Minucci

Quante sono le capitali? Nel mondo vi sono 196 Stati ufficialmente riconosciuti, ma le capitali sono oltre 200! La capitale di uno Stato è la città in cui ha sede il governo, che possiede i poteri legislativo, esecutivo/amministrativo e giudiziario: in alcuni Paesi i poteri sono distribuiti in più città e le capitali aumentano...

leggi

Shale oil: è boom negli Stati Uniti

17/05/2018 da Enzo Fedrizzi

Negli ultimi decenni gli Stati Uniti, uno dei più importanti produttori di idrocarburi nel mondo, hanno conosciuto una fase di stasi nel settore. A risollevare la situazione è stata l’estrazione tramite fratturazione idraulica del petrolio “non convenzionale”, lo shale oil...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA