Brexit, che Europa sarà senza Londra?

27/09/2016

Il 23 giugno 2016 i cittadini della Gran Bretagna scelgono con un referendum di lasciare l’Unione europea. Anziani, pensionati, classi meno istruite optano per la linea anti-UE (il leave – andare via – conquista il 51,9%), mentre giovani, studenti e laureati, perlopiù concentrati nelle città universitarie e nelle metropoli, votano per il remain (rimanere, vincente solo in Scozia e Irlanda del Nord). Un milione di voti britannici decreta così la fine del tentativo di unità perseguito a Bruxelles da quattro generazioni di politici. Il voto degli inglesi, azzardato dal premier David Cameron che lo aveva inserito nel programma elettorale del 2015, diventa infatti cruciale non solo per il futuro di Londra, ma per la tenuta della stessa Unione, accerchiata dalla crescita dei movimenti euroscettici, dalla crisi dei migranti, dal terrorismo islamico e dal braccio di ferro con la Russia di Putin. Colpita al cuore, l’UE deve trovare il modo di rinnovarsi.

> Brexit, ecco chi ha deciso l’uscita dall’Europa. Il video commento di Gianni Riotta
brexit-video

“Il risultato di Brexit rappresenta la fine di un’Europa così come l’abbiamo conosciuta. l’Europa dove i Paesi facevano la coda per entrare, l’Europa garanzia della pace, l’Europa premio Nobel per la Pace. Tutte cose di cui ci siamo anche vantati. Nel frattempo l’Europa è diventata un’altra cosa.”

> Guarda il video

 

 

> La rabbia dei giovani a Londra: con la Brexit non avremo nessun futuro
brexit-cosa-ne-pensano-i-giovani-inglesi

“Il risultato di Brexit rappresenta la fine di un’Europa così come l’abbiamo conosciuta. l’Europa dove i Paesi facevano la coda per entrare, l’Europa garanzia della pace, l’Europa premio Nobel per la Pace. Tutte cose di cui ci siamo anche vantati. Nel frattempo l’Europa è diventata un’altra cosa.”

> Guarda il video

 

 

> Esultanza e rabbia: i due volti della notte di Brexit
foto-risultati-brexit

“C’è chi ha esultato e brindato, come il leader dell’Ukip Nigel Farage e chi, quando i “leave” iniziavano a prevalere sui “remain”, ha manifestato tutto il proprio sconforto e la delusione per la scelta dei britannici di lasciare l’Ue. Ecco una galleria con i due volti della notte di Brexit ”

> Guarda la gallery fotografica

 

Leggi lo speciale Brexit su E20

In «Geografia socio-economica»

Zona Geografia: gli ultimi vent’anni in un milione di dati

18/01/2019 da Daniela Campora

Zona Geografia, il portale tematico di De Agostini Scuola, offre un accesso diretto ai dati aggiornati di DeA WING, versione web del Calendario Atlante De Agostini. Esplora il database di dati geografici e statistici dal 1999 al 2019 per comprendere e interpretare il mondo che ci circonda e i suoi cambiamenti...

leggi

“Fotografi di classe” 2019: il Paese che vorrei

14/01/2019 da Redazione Geografia

  Quali paesaggi, intorno a noi, ospitano la bellezza che vorremmo preservare per il futuro? Quali ambienti, invece, sono simbolo di un degrado che dobbiamo impegnarci a sconfiggere? In quali spazi si mettono in atto progetti per costruire una società più giusta e interculturale, e chi sono i loro protagonisti? Dove si trovano, invece, esempi di emarginazione su cui richiamare l’attenzione? L’edizione 2019 del concorso “Fotografi di classe”, dal tema “Il Paese che vorrei...

leggi

Giorno della Memoria: proposte didattiche per una lezione non retorica

20/12/2018 da redazione DeaScuola

Come si può raccontare l’orrore dell’Olocausto agli studenti? Come è possibile parlare della Shoah e del Giorno della Memoria anche se sono lontani dal periodo storico che si sta studiando? La Memoria non si insegna...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA