Che fine faranno le province italiane?

03/05/2012

Potrebbero ridursi a 36 le attuali 110 province italiane. Questa l’ipotesi di taglio più drastico con eliminazione di tutte le province con meno di 500.000 abitanti (Il Corriere della Sera).
Tra quelle che verrebbero accorpate alcune storiche, come Parma e Piacenza, entrambe con meno di mezzo milione di abitanti, Como e Lecco, con la seconda che passerebe in second’ordine, ma sparirebbero anche Trieste, Siena, Arezzo, Brindisi, Siracusa…
I tecnici del ministero sono al lavoro e le decisioni finali non sono ancora state prese, ma sono già in atto grossi cambiamenti.

Il Presidente dell’Upi, Giuseppe Castiglione.

Il governo Monti ha abbassato le province a enti di secondo livello: le giunte sono state abolite e i Consigli provinciali non sono più eletti dai cittadini, ma dai Consigli comunali della provincia.
Le ipotesi previste dai ministri sono tre. La più leggera prevede di tagliare le province con meno di 350.000 abitanti, riducendole a 58. Quella intermendia porta la soglia a 400.000 abitanti e quella più drastica arriva a 500.000, considerando anche le regioni a statuto speciale.

E con le modifiche alla Costituzione (art. 114 e 133), attualmente in studio, le province potrebbero proprio sparire dalla lista degli enti della nostra Repubblica.
La necessità di tagliare la spesa pubblica ha portato anche l’Unione province italiane (UPI) a proporre un proprio piano che prevede 60 province. Saitta, Presidente della provincia di Torino, ha esposto la proposta del Piemonte di ridurre le province della regione da 8 a 4.

Fare Geo
● Stampa la carta d’Italia che trovi in basso e scrivi in ciascuna provincia la sigla tratta dalla tabella a lato. Consulta una carta politica dell’Italia per individuare le varie province.
● La carta delle province per densità di popolazione non permette di valutare il numero di abitanti. Puoi creare tu la carta tematica (nella mappa che hai già preparato con le sigle) evidenziando con colori diversi le province con meno di 350mila abitanti, quelle tra 350mila e 500.mila e quelle con oltre mezzo milione di abitanti. Il numero di abitanti delle 110 province italiane è riportato dalla tabella a lato. Poi inserisci la legenda e prepara una diascalia di commento.

In «Geografia socio-economica»

Dal turismo d’evasione al turismo d’invasione

08/02/2019 da Daniela Campora

Come è cambiato nel tempo il concetto di viaggio e come si è trasformato in turismo di massa? E quali sono le conseguenze di un fenomeno in costante crescita? Il problema del sovraffollamento non sostenibile delle destinazioni turistiche, definito “overtourism”, va combattuto praticando il turismo responsabile, che rispetta il territorio e le popolazioni locali...

leggi

La Via della Seta Polare: dalla Cina all’Europa attraverso l’Artico

05/02/2019 da Enzo Fedrizzi

Ispirato all’antica Via della Seta, il progetto cinese Belt and Road Initiative prevede lo sviluppo di tre vie commerciali tra Cina ed Europa: una terrestre, una marittima e una polare. La Via della Seta Polare, che attraverserà l’Oceano Artico, sta diventando praticabile nei mesi estivi grazie al progressivo scioglimento della calotta glaciale, dovuto al riscaldamento globale...

leggi

Il luogo del mese: Ganvié

25/01/2019 da Carlo Guaita

Una pacifica popolazione, per sfuggire a nemici feroci e senza scrupoli, si rifugiò in una vasta zona lagunare, dove costruì una città su palafitte. Sembra la storia della fondazione di Venezia, ma non stiamo per descrivere l’alto Adriatico, bensì un contesto geografico e ambientale molto diverso e lontano dall’Italia: quello di Ganvié, una città del Benin, in Africa...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA