Da Legambiente il rapporto 2012 sui Comuni rinnovabili

29/03/2012

Degli 8092 Comuni italiani, ben 7986 sono dotati di impianti puliti: erano 6993 nel 2010 e 3129 nel 2008. E’ quanto emerge dal rapporto del 2012 sui Comuni rinnovabili di Legambiente. E ben 2068 sono atualmente i Comuni che producono piu energia elettrica di quanta ne consumano grazie ad una o più fonti rinnovabili (mini-idroelettrica, eolica, fotovoltaica, da biomasse o geotermica). Una crescita notevole che fa ben sperare per il futuro.

Quest’anno Legambiente ha scelto di premiare: Varna (BZ), un Comune al 100% rinnovabile, Vicchio (FI) per la qualità del suo progetto sulle biomasse, la Provincia di Roma per l’investimento nella solarizzazione e il miglioramento dell’efficienza energetica degli edifici scolastici.
Un grande passo avanti è stato fatto nell’ambito del solare, sia termico sia fotovoltaico, ma in aumento sono anche gli impianti geotermici, che sfruttano le notevol risorse termali del nostro sottosuolo, e gli impianti mini-idroelettrici, che risultano più rispettosi per l’ambiente e meno pericolosi in quanto non necessitano di grosse dighe. Anche nel campo dell’eolico si sta puntando ai mini-impianti poco invasivi.
Il rapporto 2012 di Legambiente ha individuato i 23 Comuni più virtuosi: “quelli che rappresentano oggi il miglior esempio di innovazione energetica e ambientale. In queste realtà, un mix di impianti diversi da rinnovabili e impianti a biomasse allacciati a reti di teleriscaldamento coprono interamente (e superano) i fabbisogni elettrici e termici dei cittadini residenti. La classifica premia proprio la capacità di sviluppare il mix più efficace delle diverse fonti, e non la produzione assoluta, perché la prospettiva più lungimirante e vantaggiosa per i territori è rispondere alla domanda di energia valorizzando le risorse rinnovabili presenti.

Diffusione degli impainti solari ed eolici in alcuni Stati europei.

Fare Geo
● Qui a lato trovi i dati sulla diffusione degli impianti solari ed eolici in Italia e in alcuni altri Paesi dell’Unione Europea. Per quale motivo ritieni sia stata inserita la produzione pro capite? Visualizza i dati con grafici o disegni e commentali.
● Scarica dal sito di Legambiente il rapporto 2012 e individua  le strategie energetiche adottate nella tua regione.

In «Geografia socio-economica»

Dal turismo d’evasione al turismo d’invasione

08/02/2019 da Daniela Campora

Come è cambiato nel tempo il concetto di viaggio e come si è trasformato in turismo di massa? E quali sono le conseguenze di un fenomeno in costante crescita? Il problema del sovraffollamento non sostenibile delle destinazioni turistiche, definito “overtourism”, va combattuto praticando il turismo responsabile, che rispetta il territorio e le popolazioni locali...

leggi

La Via della Seta Polare: dalla Cina all’Europa attraverso l’Artico

05/02/2019 da Enzo Fedrizzi

Ispirato all’antica Via della Seta, il progetto cinese Belt and Road Initiative prevede lo sviluppo di tre vie commerciali tra Cina ed Europa: una terrestre, una marittima e una polare. La Via della Seta Polare, che attraverserà l’Oceano Artico, sta diventando praticabile nei mesi estivi grazie al progressivo scioglimento della calotta glaciale, dovuto al riscaldamento globale...

leggi

Il luogo del mese: Ganvié

25/01/2019 da Carlo Guaita

Una pacifica popolazione, per sfuggire a nemici feroci e senza scrupoli, si rifugiò in una vasta zona lagunare, dove costruì una città su palafitte. Sembra la storia della fondazione di Venezia, ma non stiamo per descrivere l’alto Adriatico, bensì un contesto geografico e ambientale molto diverso e lontano dall’Italia: quello di Ganvié, una città del Benin, in Africa...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA