Crescita della popolazione mondiale: quanti saremo nel 2050?

12/11/2018

Si parla sempre meno dei dati di crescita della popolazione mondiale nel mondo, ma è un problema ancora attuale. Lo dimostrano i dati demografici del rapporto delle Nazioni Unite “World Population Prospects. The 2017 Revision”: nei prossimi decenni l’aumento della popolazione sarà concentrato in India e Africa. Ne deriveranno problematiche sociali e politiche, come le migrazioni internazionali.

 

L’andamento demografico mondiale viene monitorato dalla Population Division, un organismo del Dipartimento per gli Affari economici e sociali delle Nazioni Unite. La Population Division pubblica periodicamente i “World Population Prospects”, rapporti che includono informazioni e statistiche relative alla popolazione di tutti gli Stati del mondo, esaminati singolarmente, per continenti e sub-regioni di appartenenza o per grado di sviluppo. Quello più recente è la “World Population Prospects. The 2017 Revision”, accompagnato da una grande tavola, la “WPP2017 Wallchart”, che contiene i dati principali del rapporto.

 

I dati della “World Population Prospects. The 2017 Revision”

La pubblicazione riporta sia l’andamento della popolazione mondiale fino a oggi sia quello previsto per i prossimi decenni. Oggi nel mondo si contano 7550 milioni di persone, di cui 1260 vivono nei Paesi sviluppati e 6290 in quelli meno sviluppati. La popolazione complessiva dovrebbe raggiungere 9,8 miliardi nel 2050 e 11,2 miliardi nel 2100, in una prospettiva di crescita media pari a 83 milioni di persone all’anno.

Popolazione globale: l’andamento nell’intervallo 1950-2015 e le proiezioni per l’intervallo 2015-2100 (Fonte: “World Population Prospects. The 2017 Revision”)

Vediamo come varierà la popolazione dei singoli Stati dal 2015 al 2050 secondo le proiezioni.
La Cina perderà circa 50 milioni di abitanti, scendendo a 1365 milioni. L’India, invece, guadagnerà circa 300 milioni di abitanti, raggiungendo 1659 milioni e sorpassando la Cina già nel 2024. Per la Nigeria si prevede un incremento rilevante, di circa 200 milioni di abitanti, fino a raggiungere 410 milioni. Gli Stati Uniti andranno incontro a un aumento di circa 70 milioni di abitanti, toccando 390 milioni. L’incremento demografico previsto si concentrerà, oltre che in India, Nigeria e Stati Uniti, anche nella Repubblica Democratica del Congo, in Pakistan, Etiopia, Tanzania, Uganda e Indonesia.
I 47 Paesi a sviluppo minimo, caratterizzati da un tasso medio di fecondità pari a 4,3, pur registrando un calo nel numero di figli per donna, cresceranno almeno del 2,4% annuo, fino a raggiungere 1,9 miliardi di abitanti nel 2050. Si prevede che nello stesso anno i Paesi sviluppati raggiungano 1298 milioni di persone, appena 38 più di oggi, a fronte di ben 8474 milioni di abitanti nei Paesi meno sviluppati , un terzo in più rispetto alla popolazione attuale.

Popolazione per continente: l’andamento nell’intervallo 1950-2015 e le proiezioni per l’intervallo 2015-2100 (Fonte: “World Population Prospects. The 2017 Revision”)

 

Le conseguenze della crescita demografica nel mondo

Alla luce di questi dati è inevitabile chiedersi quali problematiche comporterà la crescita demografica nei prossimi decenni. La più evidente riguarda la disponibilità di risorse alimentari: già oggi ben 815 milioni di persone soffrono la fame, a causa degli sprechi e della difficoltà di distribuirle adeguatamente  (The State of Food Security and Nutrition in the World 2017). Un altro problema è la mancanza d’acqua in molte zone della Terra, dove risulta sempre più difficile coprire il fabbisogno minimo.
Ne derivano conseguenze di carattere sociale e politico, come le migrazioni internazionali, che di certo assumeranno dimensioni planetarie. Insieme alla popolazione della Terra crescerà anche il reddito medio degli abitanti, che farà aumentare di molto i consumi pro capite e quindi l’emissione di gas serra, alimentando il cambiamento climatico.

Numero di migranti nel mondo nel 2017 (Fonte: Population Division)

Negli ultimi anni l’attenzione verso il problema della crescita demografica nel mondo è scemata. Nei Paesi sviluppati, addirittura, si incoraggia spesso la natalità per contrastare il calo della popolazione. I dati della “World Population Prospects. The 2017 Revision”, però, fanno riflettere sulla necessità di riaprire un dibattito sul tema, prima che subentrino nuove carestie, epidemie e guerre.

 

FARE GEO

  • Osserva il grafico sull’andamento della popolazione per continente e compila una tabella inserendo per ciascuno i valori della popolazione totale negli anni 1950, 2015, 2050 e 2100. Poi commentali con i tuoi compagni.
  • Utilizza l’app Global Migration Flows per fare un confronto tra i migranti di alcuni Paesi europei a tua scelta. Ragiona anche sulla provenienza e sulla destinazione dei migranti di ogni Paese.
  • Documentati, utilizzando Internet, sul dibattito relativo al controllo demografico e discutine in classe con i tuoi compagni.

 

 

In «Geografia socio-economica»

Dal turismo d’evasione al turismo d’invasione

08/02/2019 da Daniela Campora

Come è cambiato nel tempo il concetto di viaggio e come si è trasformato in turismo di massa? E quali sono le conseguenze di un fenomeno in costante crescita? Il problema del sovraffollamento non sostenibile delle destinazioni turistiche, definito “overtourism”, va combattuto praticando il turismo responsabile, che rispetta il territorio e le popolazioni locali...

leggi

La Via della Seta Polare: dalla Cina all’Europa attraverso l’Artico

05/02/2019 da Enzo Fedrizzi

Ispirato all’antica Via della Seta, il progetto cinese Belt and Road Initiative prevede lo sviluppo di tre vie commerciali tra Cina ed Europa: una terrestre, una marittima e una polare. La Via della Seta Polare, che attraverserà l’Oceano Artico, sta diventando praticabile nei mesi estivi grazie al progressivo scioglimento della calotta glaciale, dovuto al riscaldamento globale...

leggi

Il luogo del mese: Ganvié

25/01/2019 da Carlo Guaita

Una pacifica popolazione, per sfuggire a nemici feroci e senza scrupoli, si rifugiò in una vasta zona lagunare, dove costruì una città su palafitte. Sembra la storia della fondazione di Venezia, ma non stiamo per descrivere l’alto Adriatico, bensì un contesto geografico e ambientale molto diverso e lontano dall’Italia: quello di Ganvié, una città del Benin, in Africa...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA