Diversità culturale, una risorsa preziosa

15/05/2017

Il 21 maggio, “Giornata mondiale della diversità culturale per il dialogo e lo sviluppo” (ONU, Unesco) istituita nel dicembre 2002 in seguito alla  Dichiarazione Universale dell’Unesco sulla diversità culturale, si pone obiettivi che si integrano con quelli della “Convenzione sulla protezione e sulla promozione della diversità delle espressioni culturali” adottata dall’Unesco nel 2005:

  • Supportare sistemi di governo che sostengano la cultura
  • Ottenere un flusso equilibrato di beni e servizi culturali e aumentare gli scambi
  • Integrare la cultura in strutture di sviluppo sostenibile
  • Promuovere i diritti umani e le libertà fondamentali

rapporto_unescoOggi è particolarmente importante puntare al dialogo perché la maggior parte dei conflitti in atto sono causati dallo scontro tra differenti culture.
Dialogare con altre genti e venire a contatto con costumi e tradizioni diverse dalle nostre, ci permette di comprendere le esigenze degli altri, imparare a rispettarle e ridurre il rischio di nuovi conflitti.
Inoltre la grande varietà di popoli e culture è un patrimonio da non perdere, un bene che può contribuire a ridurre fame e povertà per arrivare ad uno sviluppo sostenibile.
Il rapporto mondiale dell’Unesco “Investire nella diversità culturale e nel dialogo interculturale” del 2009 è disponibile in italiano (pdf).Brasile_intolleranza_religiosa

In Brasile il movimento che combatte le discriminazioni religiose, oggi in aumento in tutto il mondo, ha lanciato a gennaio un video contro l’intolleranza religiosa (YouTube).

L’UNAOC (United Nations Alliance of Civilizations), piattaforma dell’ONU per il dialogo e la cooperazione internazionale, interculturale e interreligiosa, ha lanciato anche per il 21 maggio di quest’anno il bando per aderire al suo programma di scambi interculturali.
Il tema per il 2017 è  “Il ruolo della società civile e dei media nella lotta contro l’odio e nel promuovere l’inclusione
Qui sotto l’infografica dell’UNAOC relativa agli eventi attuati nel 2016 (MENA sigla per Medio Oriente e Nord Africa, EUNA, sigla per Europa e Nord America).UNAOC_fellowship_2016


 

Fare Geo

  • Fai una ricerca sulle religioni professate nei Paesi europei utilizzando i dati delle schede Paesi di DeaWing. Prepara una relazione su quanto scopri.
  • Sul sitoWorld Day for Cultural Diversity for Dialogue and Development” l’ONU propone 10 semplici cose da poter fare per celebrare la Giornata. Qui te ne indichiamo cinque: scegline una da proporre nella tua scuola.
    – Visita una mostra d’arte o un museo dedicato alle altre culture.
    –  Noleggia un film o leggi un libro che parli di popoli con altre tradizioni.
    –  Visita un luogo di culto diverso dal tuo partecipando alla celebrazione.
    –  Fai  una ricerca su feste tradizionali di altre culture.
    –  Ascolta la musica di una cultura diversa dalla tua.

In «Cittadinanza»

Dal turismo d’evasione al turismo d’invasione

08/02/2019 da Daniela Campora

Come è cambiato nel tempo il concetto di viaggio e come si è trasformato in turismo di massa? E quali sono le conseguenze di un fenomeno in costante crescita? Il problema del sovraffollamento non sostenibile delle destinazioni turistiche, definito “overtourism”, va combattuto praticando il turismo responsabile, che rispetta il territorio e le popolazioni locali...

leggi

“Fotografi di classe” 2019: il Paese che vorrei

14/01/2019 da Redazione Geografia

  Quali paesaggi, intorno a noi, ospitano la bellezza che vorremmo preservare per il futuro? Quali ambienti, invece, sono simbolo di un degrado che dobbiamo impegnarci a sconfiggere? In quali spazi si mettono in atto progetti per costruire una società più giusta e interculturale, e chi sono i loro protagonisti? Dove si trovano, invece, esempi di emarginazione su cui richiamare l’attenzione? L’edizione 2019 del concorso “Fotografi di classe”, dal tema “Il Paese che vorrei...

leggi

Il turismo sostenibile secondo la Dichiarazione di Berlino

04/12/2018 da Daniela Campora

Il turismo è un’attività economica “trasversale” che può incidere positivamente sulla vita quotidiana dei locali, sull’ambiente e sulla cultura. Come abbiamo visto nel post Metti in Agenda il turismo, quello responsabile!, perché ciò accada è necessario cambiare l’attuale modello turistico non responsabile: la Dichiarazione di Berlino incoraggia a farlo promuovendo il turismo sostenibile...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA