È nata "Climate-Adapt", piattaforma UE per affrontare i cambiamenti climatici

27/03/2012

Dal 23 marzo Climate-Adapt è in rete, a disposizione di chi vuole operare per fronteggiare gli effetti dei cambiamenti del clima. E’ una piattaforma preparata dall’agenzia europea dell’ambiente che costituirà un valido strumento per aiutare i Paesi europei a individuare le misure per prevenire o minimizzare i danni creati dai cambiamenti climatici in atto (Ansa e La Stampa).

La commissaria Hedegaard ha dichiarato: “La piattaforma può costituire uno strumento formidabile per aiutare i responsabili politici a individuare le migliori soluzioni a beneficio dei cittadini. Dobbiamo realizzare progressi sostanziali nella condivisione delle migliori pratiche e delle informazioni sulle pratiche da evitare. Il nuovo strumento interattivo renderà più efficaci tali sforzi.”
I rischi sono soprattutto ambientali ed economici. La torrida estate del 2003 ha causato all’Unione Europea danni per circa 10 miliardi di euro: la siccità ha compromesso le produzioni agricole e danneggiato l’allevamento, mentre gli incendi hanno distrutto migliaia di ettari di boschi.
Ma il caldo non è l’unico pericolo. I cambiamenti del clima influiscono sulla distribuzione e sull’intesità delle precipitazioni con rischio di forti piogge e inondazioni, come abbiamo visto sempre più spesso in questi ultimi anni, mentre l’aumento delle temperature fa sciogliere i ghiacciai e innalzare il livello dei mari.
Dallo studio PESETA del Centro comune di ricerca dell’UE è emerso che, in assenza di adattamento ai cambiamenti climatici e ipotizzando che condizioni climatiche previste nel 2080 si verifichino ora, i danni per l’economia dell’UE sarebbero compresi tra 20 e 65 miliardi di euro.

Fare Geo
● Sul sito dell’UE sono disponibili informazioni sulla piattaforma anche in italiano. Leggi il documento e prepara un tabellone che visualizzi i settori in cui opera Climate-Adapt.

In verde gli Stati che hanno già adottato strategie per i cambiamenti climatici.

● A gennaio del 2011 gli Stati hanno presentato all’ONU la propria situazione rispetto allo sviluppo di un piano di adattamento ai cambiamenti climatici. Sul sito di Climate-Adapt trovi (in inglese) la situazione dei vari Paesi europei. Osserva la carta (che vedi anche qui a lato): quali Stati nel 2010 non avevano ancora attuato strategie di adattamento? Scegli un Paese e riassumi brevemente la sua situazione.

La bioregione continentale.

● Alla pagina “ricerca dei casi di studio in Europa” si possono individuare le regioni biogeografiche europee ed esaminare i progetti di studio in atto. L’Italia è divisa in regione alpina, continentale (padana e adriatica) e mediterranea. Vai sul sito e individua quali territori europei presentano caratteristiche biogeografiche simili a ciascuna di queste aree italiane. Individua inoltre alcune regioni biogeografiche europee che non hanno riscontro in Italia.

In «Ambiente»

2100, Italia sott’acqua: porti e aree costiere a rischio

26/03/2019 da Enzo Fedrizzi

A causa del riscaldamento globale, entro il 2100 buona parte delle coste italiane rischia di essere sommersa dal mare: secondo le proiezioni dell’ENEA, il suo livello potrà innalzarsi di oltre 1 metro...

leggi

Lo sbiancamento dei coralli: colpa del riscaldamento globale

12/03/2019 da Enzo Fedrizzi

Provate a interrogare uno studente sulle conseguenze del riscaldamento globale: probabilmente citerà lo scioglimento dei ghiacciai, l’innalzamento del livello del mare, le ondate di calore e i fenomeni meteorologici estremi...

leggi

“Fotografi di classe” 2019: il kit didattico per scattare al meglio - 1

28/02/2019 da Redazione Geografia

L’edizione 2019 del concorso “Fotografi di classe”, dal tema “Il Paese che vorrei. Scatti e immagini dal futuro dell’Italia”, chiede agli studenti di rappresentare con la fotografia i luoghi da preservare e da recuperare per il futuro...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA