Expo: "Il cibo nella nuvola". Va in scena l'alimentazione sostenibile

05/05/2015

Expo di Milano ha ormai aperto i suoi battenti e sul filo conduttore «Nutrire il pianeta, energia per la vita» a Cascina Triulza, il padiglione della Società Civile, è partita la Food cloud exhibition, «uno spazio educativo che mette in scena il cibo e ne mostra alcune delle sue interazioni e trasformazioni più significative e sorprendenti».
La mostra, nell’ambito del progetto Eathink2015, vuole essere uno strumento di riflessione sul cibo, e sulle conseguenze delle nostre scelte alimentari, «sugli impatti ambientali e sociali che ne derivano e sulle sfide da raccogliere per sostenere i sistemi alimentari sostenibili e l’agricoltura di piccola scala» si legge nella descrizione della mostra.

Mappa cascina Triulza

«Nuvole di parole» che raccontano il cibo nelle sue diverse sfaccettature, rappresentandone in maniera astratta alcuni concetti a esso collegati. Venticinque parole chiave, tra cui chilometroacquainquinamentoimballaggibiodiversitàsemifamemigrazione... tutti vocaboli che evocano ampie riflessioni di grande attualità, che riguardano la tutela dell’ambiente e dei diritti, e gli squilibri che ancora caratterizzano la vita sul pianeta. La rappresentazione visiva è accompagnata da dati, definizioni, collegamenti, e tutte insieme, le parole, costituiscono una sorta di indice di ricerca sul tema dell’agricoltura e dell’alimentazione nel XXI secolo.
IMG_2346La mostra ospiterà anche, nei mesi di settembre e ottobre, i vincitori del concorso fotografico europeo per scuole primarie e secondarie Not Just Cheese!
La Food Cloud exhibition, tengono a precisare gli organizzatori, vuole essere solo un punto di inizio, un «portale» attraverso il quale accedere a un’ampia offerta di informazioni, approfondimenti e strumenti didattici, proposti dal progetto Eathink2015.
Perché il futuro si costruisce seminando consapevolezza sulle grandi problematiche che siamo chiamati ad affrontare. Soprattutto a scuola.

Partito da pochi mesi, EAThink2015 sta rilanciando su scala europea le esperienze avviate dal progetto pilota “Eathink 2015: Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Expo 2015 in viaggio tra Italia, Senegal e Uganda”, promosso dalla Fondazione De Agostini e dall’iniziativa Fondazioni4Africa. EAThink2015 è oggi realizzato in Italia da ACRA-CCS, CISV e Fondazione Cariplo con il contributo di Unione Europea, Fondazione Cariplo e Compagnia di San Paolo.

In «Cittadinanza»

Dal turismo d’evasione al turismo d’invasione

08/02/2019 da Daniela Campora

Come è cambiato nel tempo il concetto di viaggio e come si è trasformato in turismo di massa? E quali sono le conseguenze di un fenomeno in costante crescita? Il problema del sovraffollamento non sostenibile delle destinazioni turistiche, definito “overtourism”, va combattuto praticando il turismo responsabile, che rispetta il territorio e le popolazioni locali...

leggi

“Fotografi di classe” 2019: il Paese che vorrei

14/01/2019 da Redazione Geografia

  Quali paesaggi, intorno a noi, ospitano la bellezza che vorremmo preservare per il futuro? Quali ambienti, invece, sono simbolo di un degrado che dobbiamo impegnarci a sconfiggere? In quali spazi si mettono in atto progetti per costruire una società più giusta e interculturale, e chi sono i loro protagonisti? Dove si trovano, invece, esempi di emarginazione su cui richiamare l’attenzione? L’edizione 2019 del concorso “Fotografi di classe”, dal tema “Il Paese che vorrei...

leggi

Il turismo sostenibile secondo la Dichiarazione di Berlino

04/12/2018 da Daniela Campora

Il turismo è un’attività economica “trasversale” che può incidere positivamente sulla vita quotidiana dei locali, sull’ambiente e sulla cultura. Come abbiamo visto nel post Metti in Agenda il turismo, quello responsabile!, perché ciò accada è necessario cambiare l’attuale modello turistico non responsabile: la Dichiarazione di Berlino incoraggia a farlo promuovendo il turismo sostenibile...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA