#GeografiaInClasse. Brexit e COP 21: contenuti utili per portare l'attualità in classe

07/02/2017

Cosa ha portato alla Brexit, e quali sono le conseguenze di questo nuovo scenario? La conferenza di Parigi sull’ambiente COP21 ha avuto gli effetti desiderati?
Questi temi rendono più complesso e meno facilmente interpretabile il rapporto tra le istituzioni e i cittadini e impongono una riflessione che può e deve essere allargata al contesto scolastico. La sfida della complessità ci chiede di offrire strumenti per interpretare il presente, non solo per dovere di informazione, ma per coinvolgere pienamente le giovani generazioni e aiutarle a immaginare il proprio futuro.
Sin dai giorni del referendum sulla Brexit, Zona Geografia sta seguendo con interesse quanto accade : l’uscita del Regno Unito dall’Europa prospetta infatti una nuova situazione geopolitica che ha un riflesso sul nostro modo di vedere e interpretare il nostro continente.
D’altro canto anche le conseguenze della COP21 sono cruciali per comprendere come ci si sta muovendo in materia di tutela ambientale.
Per rispondere alle principali domande su questi temi e per offrire materiali didattici liberamente utilizzabili in classe, raccogliamo in questa pagina alcuni approfondimenti di attualità geopolitica utili per i docenti, gli studenti e i genitori.

1) SPECIALE BREXIT

Dalla fondazione fino al 2009 non era mai stato ipotizzato che uno stato lasciasse l’UE. Cosa prevede ora la procedura di abbandono?
Vi proponiamo una serie di materiali per l’approfondimento e il lavoro in classe.

  • una scheda per gli studenti della scuola secondaria di primo grado in formato pdf disponibile in italiano e in lingua inglese, in ottica CLIL.
  • un articolo che ricostruisce tutti i passaggi che hanno portato alla vittoria del “leave” e illustra ipotesi sulle possibili conseguenze.
  • Sul portale E20, realizzato da La Stampa in collaborazione con DeA Scuola, potete trovare il contributo del giornalista Enrico Caporale, corredato da un ricco glossario e da una selezione di materiale multimediale sul tema Brexit.
  • Un aggiornamento a cura di Stefano Bianchi sulla situazione, sette mesi dopo il referendum che ha sancito l’uscita dall’Unione, e in vista dell’inizio delle procedure che concretizzeranno questo passaggio scelto nel giugno scorso dai cittadini del Regno Unito.

2) COP21

Un articolo sulla conferenza mondiale sui cambiamenti climatici di Parigi (dicembre 2015) e gli aggiornamenti sullo stato attuale dell’adesione all’accordo globale per la riduzione delle emissioni di gas serra.

In «Geografia socio-economica»

Capitali del mondo: alcune curiosità, che forse non conoscete

28/06/2018 da Silvia Minucci

Quante sono le capitali? Nel mondo vi sono 196 Stati ufficialmente riconosciuti, ma le capitali sono oltre 200! La capitale di uno Stato è la città in cui ha sede il governo, che possiede i poteri legislativo, esecutivo/amministrativo e giudiziario: in alcuni Paesi i poteri sono distribuiti in più città e le capitali aumentano...

leggi

Shale oil: è boom negli Stati Uniti

17/05/2018 da Enzo Fedrizzi

Negli ultimi decenni gli Stati Uniti, uno dei più importanti produttori di idrocarburi nel mondo, hanno conosciuto una fase di stasi nel settore. A risollevare la situazione è stata l’estrazione tramite fratturazione idraulica del petrolio “non convenzionale”, lo shale oil...

leggi

Come creare web radio a scuola e diventare cittadini del mondo

10/05/2018 da Redazione Geografia

Ospitiamo sul nostro blog il racconto di un’esperienza didattica utile a tutti i docenti che intendono sviluppare le competenze di cittadinanza attiva. La protagonista è una scuola media di Milano, che ha affrontato il tema delle migrazioni nel mondo utilizzando diversi strumenti: attività ludiche, web journalism e una diretta radiofonica dal titolo “#milionidivoci”...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA