Grandina? Colpa dei batteri

04/07/2011

Su “Le Scienze” di luglio 2011 la notizia che a causare la grandine possano essere alcuni batteri presenti nelle nubi.
L’annuncio che i batteri possono fungere da catalizzatore per innescare la formazione dei chicchi di grandine è stato dato da Alexander Michaud della Montana State University a un congresso a New Orleans ed è riportato (in inglese) sul sito della BBC e in italiano sul sito “Dita di Fulmine“.
Forse in futuro, per evitare le grandinate, potremo “curare” le nubi “malate” uccidendo i batteri, magari irrorando le nuvole di antibiotici.

Il batterio Pseudomonas syringae

Già da alcuni anni era stato ipotizzato che i batteri avessero un ruolo importante nel ciclo dell’acqua e nella formazione del ghiaccio nelle nubi.
La conferma si è avuta con lo studio dei cristalli di grandine caduti nel Montana durante una tempesta nell’estate del 2010. I chicchi sono stati sezionati e nel loro interno sono stati individuati numerosi batteri, soprattutto Pseudomonas syringae.

Pianta di pomodoro soggetta a picchiettaura batterica

In condizioni normali la grandine si forma a temperature uguali o inferiori a -40°C. Ma se è presente questo batterio il ghiaccio si forma prima. La sua membrana funge da catalizzatore: contiene una proteina in grado di far aggregare le molecole d’acqua e farle congelare a temperatura più alta, circa -10°C. Così i batteri intrappolati nel chicco vengono fatti piovere al suolo e possono aggredire la vegetazione. Lo Pseudomonas syringae è infatti un agente patogeno dei vegetali in grado di colpire molte specie di piante: ad esempio è l’agente che causa la picchiettatura batterica del pomodoro. Eliminarlo dalle nuvole potrebbe aiutare anche l’agricoltura.

Curiosità

Il chicco di quasi un chilo raccolto in South Dakota

● Se volete saperne di più sulla grandine potete consultare il sito “meteoliguria” dell’Agenzia Regionale per l’Ambiente Ligure.
● Il chicco di grandine più grande degli Stati Uniti, quasi un chilo di peso, è caduto nel South Dakota nel 2010 (nel sito della BBC il video), mentre il record mondiale, non ufficialmente documentato, è quello di un chicco raccolto in Bangladesh nel 1986, del peso di 1,02 kg.

In «Ambiente»

Video 3D con Relive, l’app per giovani geografi in vacanza

30/05/2019 da Luca Montanari

Le vacanze estive sono alle porte e per i giovani studiosi di geografia è il momento di mettersi alla prova divertendosi, in qualunque contesto all’aria aperta e in compagnia degli amici. Un anno dopo le “5 attività da non perdere per giovani geografi in vacanza”, proponiamo di realizzare coinvolgenti video 3D con l’app Relive, che consente di tenere traccia delle escursioni, registrando dati geografici come condizioni meteorologiche, elementi dell’ambiente naturale e attività umane...

leggi

Esperienze di turismo responsabile: la villeggiatura

16/05/2019 da Daniela Campora

Nel primo post dedicato alle buone pratiche di turismo responsabile, abbiamo raccontato alcune esperienze di turismo di comunità. Esploriamo ora la villeggiatura responsabile: quali caratteristiche devono avere le strutture ricettive destinate a questa forma di turismo? a quali tipologie appartengono e quali attività organizzano? Ecco alcuni esempi presenti sul territorio italiano...

leggi

Festival dello Sviluppo Sostenibile: 17 giorni per il nostro futuro

10/05/2019 da Redazione Geografia

Dopo il successo delle prime due edizioni, dal 21 maggio al 6 giugno 2019 torna il Festival dello Sviluppo Sostenibile: centinaia di eventi su tutto il territorio nazionale, di cui molti dedicati al mondo della scuola...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA