I laghi della Cina stanno sparendo

09/02/2012

Ben 243 i laghi cinesi scomparsi negli ultimi 50 anni e i bacini continuano a ridursi. Molte le cause, dalla siccità alla desertificazione, ai cambiamenti climatici e all’utilizzo intensivo del suolo.
Questo il risultato di un analisi compiuta dall’Istituto di geografia e limnologia di Nanchino (Greenreport).
La scomparsa dei bacini lacustri incide notevolmente sulla biodiversità perchè i laghi cinesi ospitano una ricca fauna ittica e innumerevoli uccelli, alcuni molto

Uccelli sul lago Qinghai.

rari e a rischio di estinzione.
Il Poyang, il più vasto lago d’acqua dolce della Cina, si ridotto di oltre il 90% (La Repubblica). Il lago varia sempre di dimensioni tra estate e inverno, quando le piogge diminuiscono e il livello delle acque si abbassa, ma la situazione attuale è ormai critica. La superficie è passata da oltre 3000 km² a meno di 200 mettendo a rischio l’approvvigionamento idrico delle città costiere e la sopravvivenza degli oltre 500.000 uccelli migratori che vengono qui a svernare. Per salvarli è stato deciso di lanciare loro cibo con elicotteri (Greenreport: riduzione del lago e uccelli in pericolo).
Nelle vaste aree desertiche dell’Asia centrale i delta d’acqua salata che raccoglievano le acque dei fiumi si sono in gran parte prosciugati lasciando distese di sale e alcuni acquitrini.

Il lago Lop Nur, presente sulla mappa, da satellite non appare più.

I principali laghi cinesi e i due fiumi più lunghi.

Il Lop Nur, un tempo il più vasto bacino interno della Cina con una superficie di 55.000 km² oggi è diventato una landa desertica. Sulla maggior parte delle carte appare ancora, ma non esiste più e la zona, utilizzata come poligono per test nucleari, è vietata per la radioattività.
Il Qarhan, nella stessa zona, è ridotto a nove piccoli laghi salati.
L’unico rimasto è il Qinghai, il più vasto lago cinese attuale.

Curiosità
La regione autonoma del Tibet è una delle zone più ricche di laghi, alcuni dei quali sono considerati sacri.
Il Namtso, un lago salato, è il più vasto. Si trova a una settantina di chilometri da Lhasa,  a 4718 m di quota. E’ il lago più alto del mondo, con una superficie di oltre 500 km².

I laghi gemelli Manasarovar e Rakshastal visti da satellite.

Anche se non molto vasti, sono da ricordare i laghi gemelli Manasarovar e Rakshastal separati da una stretta striscia di terra. Il primo, d’acqua dolce, ha forma rotonda ed è considerato sacro da induisti e buddisti. Il secondo, a forma di mezzaluna, è salato e non contiene pesci. Per i buddisti il Manasarovar rappresenta la luce, mentre il Rakshastal il buio.

 

I più importanti laghi cinesi.

Fare Geo
Individua sulla carta la posizione dei laghi cinesi che trovi indicati nella tabella.
● Nella carta sono riportati anche i due principali corsi d’acquia, lo Huang He (Fiume Giallo) e il Chang Jiang (Fiume Azzurro). Quali laghi appartengono al loro bacino?
● Quale vasto altopiano è ricco di laghi?
● Quale lago si trova per la maggior parte in territorio russo?
● La maggior parte dei laghi cinesi si trova a bassa quota o a quota elevata?

In «Ambiente»

Siccità da record in Europa centro-settentrionale

06/09/2018 da Redazione Geografia

L’estate del 2018 è stata una delle più calde di sempre; il clima torrido ha interessato in particolare l’Europa centro-settentrionale. La Germania, il Benelux, la Scandinavia e la Gran Bretagna sono stati colpiti dalla siccità e da un caldo senza precedenti...

leggi

Alla scoperta di biomi ed ecoregioni

14/06/2018 da Silvia Minucci

Nella seconda metà del secolo scorso sono stati proposti alcuni schemi di classificazione degli ambienti. L’ultimo, realizzato nel 1998 da un team di biologi per il WWF, ha individuato 14 biomi terrestri, costituiti da oltre 800 ecoregioni, che a loro volta comprendono differenti ecosistemi...

leggi

Giornata mondiale dell’ambiente 2018: per un mondo senza plastica

05/06/2018 da Silvia Minucci

Il 5 giugno si celebra la Giornata mondiale dell’ambiente, istituita nel 1972 dall’Onu con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dell’inquinamento e della tutela ambientale...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA