I laghi della Cina stanno sparendo

09/02/2012

Ben 243 i laghi cinesi scomparsi negli ultimi 50 anni e i bacini continuano a ridursi. Molte le cause, dalla siccità alla desertificazione, ai cambiamenti climatici e all’utilizzo intensivo del suolo.
Questo il risultato di un analisi compiuta dall’Istituto di geografia e limnologia di Nanchino (Greenreport).
La scomparsa dei bacini lacustri incide notevolmente sulla biodiversità perchè i laghi cinesi ospitano una ricca fauna ittica e innumerevoli uccelli, alcuni molto

Uccelli sul lago Qinghai.

rari e a rischio di estinzione.
Il Poyang, il più vasto lago d’acqua dolce della Cina, si ridotto di oltre il 90% (La Repubblica). Il lago varia sempre di dimensioni tra estate e inverno, quando le piogge diminuiscono e il livello delle acque si abbassa, ma la situazione attuale è ormai critica. La superficie è passata da oltre 3000 km² a meno di 200 mettendo a rischio l’approvvigionamento idrico delle città costiere e la sopravvivenza degli oltre 500.000 uccelli migratori che vengono qui a svernare. Per salvarli è stato deciso di lanciare loro cibo con elicotteri (Greenreport: riduzione del lago e uccelli in pericolo).
Nelle vaste aree desertiche dell’Asia centrale i delta d’acqua salata che raccoglievano le acque dei fiumi si sono in gran parte prosciugati lasciando distese di sale e alcuni acquitrini.

Il lago Lop Nur, presente sulla mappa, da satellite non appare più.

I principali laghi cinesi e i due fiumi più lunghi.

Il Lop Nur, un tempo il più vasto bacino interno della Cina con una superficie di 55.000 km² oggi è diventato una landa desertica. Sulla maggior parte delle carte appare ancora, ma non esiste più e la zona, utilizzata come poligono per test nucleari, è vietata per la radioattività.
Il Qarhan, nella stessa zona, è ridotto a nove piccoli laghi salati.
L’unico rimasto è il Qinghai, il più vasto lago cinese attuale.

Curiosità
La regione autonoma del Tibet è una delle zone più ricche di laghi, alcuni dei quali sono considerati sacri.
Il Namtso, un lago salato, è il più vasto. Si trova a una settantina di chilometri da Lhasa,  a 4718 m di quota. E’ il lago più alto del mondo, con una superficie di oltre 500 km².

I laghi gemelli Manasarovar e Rakshastal visti da satellite.

Anche se non molto vasti, sono da ricordare i laghi gemelli Manasarovar e Rakshastal separati da una stretta striscia di terra. Il primo, d’acqua dolce, ha forma rotonda ed è considerato sacro da induisti e buddisti. Il secondo, a forma di mezzaluna, è salato e non contiene pesci. Per i buddisti il Manasarovar rappresenta la luce, mentre il Rakshastal il buio.

 

I più importanti laghi cinesi.

Fare Geo
Individua sulla carta la posizione dei laghi cinesi che trovi indicati nella tabella.
● Nella carta sono riportati anche i due principali corsi d’acquia, lo Huang He (Fiume Giallo) e il Chang Jiang (Fiume Azzurro). Quali laghi appartengono al loro bacino?
● Quale vasto altopiano è ricco di laghi?
● Quale lago si trova per la maggior parte in territorio russo?
● La maggior parte dei laghi cinesi si trova a bassa quota o a quota elevata?

In «Ambiente»

2100, Italia sott’acqua: porti e aree costiere a rischio

26/03/2019 da Enzo Fedrizzi

A causa del riscaldamento globale, entro il 2100 buona parte delle coste italiane rischia di essere sommersa dal mare: secondo le proiezioni dell’ENEA, il suo livello potrà innalzarsi di oltre 1 metro...

leggi

Lo sbiancamento dei coralli: colpa del riscaldamento globale

12/03/2019 da Enzo Fedrizzi

Provate a interrogare uno studente sulle conseguenze del riscaldamento globale: probabilmente citerà lo scioglimento dei ghiacciai, l’innalzamento del livello del mare, le ondate di calore e i fenomeni meteorologici estremi...

leggi

“Fotografi di classe” 2019: il kit didattico per scattare al meglio - 1

28/02/2019 da Redazione Geografia

L’edizione 2019 del concorso “Fotografi di classe”, dal tema “Il Paese che vorrei. Scatti e immagini dal futuro dell’Italia”, chiede agli studenti di rappresentare con la fotografia i luoghi da preservare e da recuperare per il futuro...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA