Il paesaggio come risorsa didattica e formativa

14/10/2013

di Daniela Pasquinelli d’Allegra
(Vicepresidente dell’AIIG)

Il paesaggio è da sempre tra gli oggetti privilegiati dell’indagine geografica. La Convenzione Europea del Paesaggio, adottata dal Consiglio d’Europa nel 2000 e ratificata dall’Italia nel 2006, lo ha definito in modo univoco come “una determinata parte di territorio, così come è percepita dalle popolazioni, il cui carattere deriva dall’azione di fattori naturali e/o umani e dalle loro interrelazioni” (cap. 1, art. 1). Il paesaggio costituisce uno dei nuclei fondanti di geografia nelle Indicazioni nazionali per il curricolo della scuola dell’infanzia e del primo ciclo d’istruzione del 2012; tra l’altro è quello che, forse più di altri,  esercita una grande attrattiva su allievi di ogni fascia d’età.

Il primo approccio: la scuola dell’infanzia
Già nella Scuola dell’Infanzia, infatti, i bambini “esplorano” lo spazio vicino e il paesaggio attraverso la percezione sensoriale e l’attivazione di tutti i sensi (non solo la vista), imparando poi a discriminare gli elementi naturali da quelli antropici.

Il paesaggio e le scienze
In seguito, lo studio del paesaggio può divenire cardine di progetti formativi trasversali a più discipline, attraverso un duplice approccio: scientifico e culturale. Mediante l’approccio scientifico gli allievi applicano metodi e strumenti geografici (metodi di osservazione diretta e indiretta, strumenti cartografici tradizionali e digitali, fotografie attuali e d’epoca) in raccordo con quelli di scienze naturali ed economiche, per analizzare i paesaggi nei loro componenti (forme del terreno, idrografia, vegetazione, tipologie delle costruzioni, ma anche aspetti in movimento collegati al tempo meteorologico e all’alternarsi delle stagioni, all’eventuale presenza di animali e di mezzi di trasporto ecc.) e nei determinanti, ovvero tutti i fattori che nel tempo hanno contribuito a “costruire” quel tipo di paesaggio: elementi della dinamica terrestre (vulcanismo, terremoti, frane, erosioni ecc.), tipo di clima, “segni” legati alla vita sociale dell’uomo (attività economiche, tradizioni, credenze religiose ecc.).

Il paesaggio e le materie umanistiche
La conoscenza si amplia poi attraverso l’approccio culturale, ricavando informazioni geografiche da fonti diversificate e agganciando così la storia, la letteratura, l’arte e la musica. Si possono utilizzare brani di romanzi o poesie (tra cui, l’esempio più noto è la descrizione del lago di Como nell’incipit dei Promessi Sposi); opere d’arte grafico-pittorica (dipinti dei paesaggisti, ma anche opere celebri che “nascondono” paesaggi noti sullo sfondo, come la vallata dell’Arno nella Gioconda di Leonardo o il paesaggio della regione storica del Montefeltro nei dipinti di Piero della Francesca); musiche e testi di canzoni d’autore (si pensi, solo per fare alcuni esempi, alla Genova di Fabrizio De Andrè, all’Emilia di Francesco Guccini, di Lucio Dalla e di Ligabue, alla Napoli di Pino Daniele e delle celebri canzoni napoletane della tradizione). I ragazzi si appassionano alla selezione di testi di autori italiani e stranieri, e così l’aggancio avviene anche con le altre lingue.

Consapevolezza e cittadinanza attraverso il paesaggio
E l’aspetto formativo? È sicuramente notevole; infatti lo studio del paesaggio consente di affrontare l’educazione interculturale, ricercando i segni dell’integrazione multietnica e multiculturale; l’educazione alla cittadinanza attiva, mettendo in grado gli allievi di partecipare alla progettazione degli assetti territoriali con il contributo di idee in risposta ai loro interessi specifici; l’educazione ambientale, invitando a riconoscere nel paesaggio i beni naturali e culturali da tutelare e valorizzare.

 

In «Geografia fisica»

Dal turismo d’evasione al turismo d’invasione

08/02/2019 da Daniela Campora

Come è cambiato nel tempo il concetto di viaggio e come si è trasformato in turismo di massa? E quali sono le conseguenze di un fenomeno in costante crescita? Il problema del sovraffollamento non sostenibile delle destinazioni turistiche, definito “overtourism”, va combattuto praticando il turismo responsabile, che rispetta il territorio e le popolazioni locali...

leggi

La Via della Seta Polare: dalla Cina all’Europa attraverso l’Artico

05/02/2019 da Enzo Fedrizzi

Ispirato all’antica Via della Seta, il progetto cinese Belt and Road Initiative prevede lo sviluppo di tre vie commerciali tra Cina ed Europa: una terrestre, una marittima e una polare. La Via della Seta Polare, che attraverserà l’Oceano Artico, sta diventando praticabile nei mesi estivi grazie al progressivo scioglimento della calotta glaciale, dovuto al riscaldamento globale...

leggi

Atlarte, percorsi di Geografia e Arte: la Provenza di Van Gogh

30/01/2019 da Francesco Cassone

Inauguriamo qui un percorso interdisciplinare dedicato al dialogo tra geografia e rappresentazione artistica. Nel corso della storia pittura e fotografia si sono rivelate uno strumento indispensabile per documentare il territorio, interpretarlo e studiarne le trasformazioni...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA