Insieme per salvare la biodiversità della Terra

20/05/2016

logoIl 22 maggio è la giornata mondiale della biodiversità, un’occasione per ripensare a come le attività umane giorno dopo giorno contribuiscono a far scomparire dalla superficie terrestre un numero sempre maggiore di specie animali e vegetali e per cercare di porvi rimedio. Istituita dell’ONU nel 1993, fino al 2000 questa ricorrenza si è tenuta il 29 dicembre. In seguito è stata spostata al 22 maggio per commemorata la giornata un cui stata  adottata la Convenzione sulla diversità biologica a Rio nel 1992.
hi_258610_28940Il tema di quest’anno è  “l’integrazione della biodiversità per sostenere le popolazioni e i loro mezzi di sussistenza”. Proteggere la biodiversità aiuta anche lo sviluppo sostenibile di molti settori: agricoltura, silvicoltura, pesca, turismo… Il WWF per la giornata della biodiversità pone l’attenzione sui benefici economici di specie simbolo come i gorilla, gli elefanti e le tigri, che valgono molto più da vivi che da morti.
La 13ª Conferenza delle Parti della Convenzione sulla diversità biologica che si terrà a Cancún (Messico) dal 4 al 17 dicembre 2016 punterà in particolare al tema dell’integrazione della biodiversità nelle politiche e nei vari settori economici.

66_naturaIn Italia partecipano alla giornata della biodiversità alcune regioni, come il Lazio che sul sito del Parco Naturale del Treja (a lato il fiume) consiglia comportamenti che, modificando il nostro stile di vita, possono combattere il degrado ambientale, mentre l’Emilia Romagna ha attivato un progetto di “Educazione-alla-biodiversità“ per valorizzare la ricchezza del patrimonio biologico regionale e di contrastare la perdita di varietà vegetali e razze animali. Sempre in Emilia Romagna, l’Arpa (Agenzia regionale per la protezione ambientale) ha creato la Rete dei giardini della biodiversità, sette giardini-frutteti per la preservazione e valorizzazione di antiche varietà che andranno a far parte della Banca della Memoria (qui sotto il manifesto del “Sentiero dei frutti perduti” di Alfero e la “Cattedrale delle foglie e delle piante contadine“ di Cesesnatico, dove, accanto alla scultura con alte foglie, sono stati messi a dimora i frutti antichi più significativi della Romagna).
rete_giardiniAnche la “Città della Scienza“ di Napoli aderisce alle manifestazioni di domenica con alcune visite guidate, approfondimenti scientifici, conferenze e proiezione del film “I vagabondi del mare”.

La mappa della Biodiversità
mappa_biodiversita
La quantità di specie presenti varia notevolmente da zona a zona. Generalmente flora e fauna sono più maggiormente diversificate nelle regioni tropicali e subtropicali, mentre terre artiche, dove le condizioni climatiche sono meno favorevoli, il numero di specie è minore. Ma in tutti gli habitat la biodiversità è a rischio, con molte specie che ogni giorno si estinguono.
White-headed_DuckAnche se il Mediterraneo rimane uno degli hotspot della Biodiversità mondiali (a lato la mappa) e l’Italia è il Paese con la maggior biodiversità dell’Europa, la lista rossa degli animali scomparsi dal nostro Paese si è recentemente allungata con sei nuove specie: la gru, la quaglia tridattila, il gobbo rugginoso (nella foto), il rinolofo di Blasius, lo storione e lo storione ladano. E’ quanto riportato da Legambiente Puglia insieme al bilancio della situazione della Terra.
Le Isole della Sonda sono tra le aree più ricche di specie, soprattutto il Borneo e le isole minori. Molti animali e vegetali di queste terre si sono evoluti adattandosi alle condizioni ambientali e vivono soltanto qui, come l’elefante pigmeo, l’orango e la Nepenthes villosa (pianta carnivora), che si  trovano solo nelle foreste del Borneo.


 

Fare Geo
• Visualizza mediante grafici i dati relativi alla situazione attuale della biodiversità in Europa disponibili sul sito del Parco del Treja e prepara con questi un cartellone o una slide con i tuoi commenti.
• Fai una ricerca sul fiume cui deve il nome il del Parco Naturale del Treja. Indica in quale regione scorre, dove si trova la sua sorgente, quanto è lungo e dove sfocia.

 

© 2015-2017 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA