Io sto con la sposa, una storia di disobbedienza civile

06/11/2014

di Donata Columbro, CISV-Ong 2.0

È cominciato tutto qualche mese fa, su Facebook, con messaggi che chiedevano di “stare dalla parte della sposa”. Quale sposa? E perché devo stare dalla sua parte? Dopo qualche giorno il mistero è stato svelato, dal giornalista Gabriele del Grande e dai suoi colleghi registi Antonio Augugliaro e Khaled Soliman Al Nassiry, che chiedevano di sostenere uno speciale progetto di film/documentario sul tema della migrazione. Il titolo era, appunto, Io sto con la sposa.

La richiesta ha funzionato. Più di duemilaseicento persone hanno versato in due mesi i soldi necessari a finanziare la realizzazione e produzione del film, “un documentario ma anche un’azione politica, una storia reale ma anche fantastica”, proiettato alla mostra del cinema di Venezia, dove ha ricevuto 17 minuti di applausi e tre premi.
La storia è questa: un poeta palestinese siriano e un giornalista italiano incontrano a Milano cinque tra palestinesi e siriani, arrivati a Lampedusa in fuga dalla guerra nei loro paesi. Decidono di aiutarli a proseguire il loro viaggio verso la Svezia. Il rischio per i due speciali “contrabbandieri” però è quello di essere arrestati per favoreggiamento dell’immigrazione clandestina. Ecco perché il matrimonio: chi fermerebbe un corteo nuziale? Un’amica palestinese viene coinvolta per diventare la sposa e altri amici si travestono da invitati. Da Milano parte questo bizzarro convoglio per attraversare l’Europa in un viaggio di quattro giorni e tremila chilometri: “Un’Europa transnazionale, solidale e goliardica che riesce a farsi beffa delle leggi e dei controlli della Fortezza con una mascherata che ha dell’incredibile, ma che altro non è che il racconto in presa diretta di una storia realmente accaduta sulla strada da Milano a Stoccolma tra il 14 e il 18 novembre 2013”, come spiegano i registi.
“Se il mare provoca tutti questi morti e questi naufragi è colpa delle frontiere”, dice a un certo punto del film uno dei personaggi. La “scusa” del viaggio e del documentario in realtà è quella di raccontare le conseguenze di una legge ingiusta e di come si potrebbe modificare anche attraverso la disobbedienza civile. “Lo stare con la sposa è il simbolo di questa disobbedienza, del prendere una posizione.”, racconta Del Grande in un’intervista.
“La soluzione non è mai individuale, la soluzione è collettiva”, ricorda la sposa, Tasneem Fared, sul molo di Copenhagen, davanti all’ultima frontiera. “O viviamo tutti bene o è come se non vivessimo”.

Guarda il trailer:

Per proiettare Io sto con la sposa nella tua scuola o nella tua città consulta il sito ufficiale: http://www.iostoconlasposa.com/bulletin/it/proiezioni

In «Cittadinanza»

Il turismo sostenibile secondo la Dichiarazione di Berlino

04/12/2018 da Daniela Campora

Il turismo è un’attività economica “trasversale” che può incidere positivamente sulla vita quotidiana dei locali, sull’ambiente e sulla cultura. Come abbiamo visto nel post Metti in Agenda il turismo, quello responsabile!, perché ciò accada è necessario cambiare l’attuale modello turistico non responsabile: la Dichiarazione di Berlino incoraggia a farlo promuovendo il turismo sostenibile...

leggi

Metti in Agenda il turismo, quello responsabile!

19/11/2018 da Daniela Campora

L’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile e i suoi 17 obiettivi, cruciali per la sopravvivenza del pianeta, sono uno stimolo per tutti i Paesi – sviluppati e non – a costruire un mondo rispettoso dell’ambiente e dell’umanità...

leggi

La città dalle strade senza nome

04/10/2018 da Francesco Cassone

La medievale Sarlat, nel sud-ovest della Francia, è uno dei borghi più belli di Francia e ha una suggestiva peculiarità: molte delle vie del suo centro storico non hanno nome. Questa caratteristica dal sapore antico contrasta però con le necessità del mondo contemporaneo, in particolare quella di avere una connessione Internet...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA