La Grande Muraglia dallo spazio

22/02/2012

La Grande Muraglia cinese, Patrimonio dell’Umanità dell’Unesco, è una delle più affascinanti opere realizzate dall’uomo: un sondaggio terminato nel 2007 per determinare le “sette meraviglie del mondo moderno” la pone al primo posto. Nonostante venga sovente indicata come l’unica opera dell’uomo visibile a occhio nudo dallo spazio, la sottile striscia di muratura, che si snoda per migliaia di chilometri dal bacino del Tarim alla costa del Pacifico,

Modello del forte di Jiayuguan su Google Earth.

già a qualche decina di chilometri di altezza non è individuabile senza l’aiuto di un potente binocolo.
I satelliti con le loro apparecchiature ad alta risoluzione riescono a riprenderla bene. La si può osservare su Google Maps e su Google Earth, dove è possibile attivare il modello tridimensionale dell’opera. L’osservazione a differenti lunghezze d’onda permette di individuare la muraglia più vecchia a fianco di quella di epoca Ming (immagine tratta dal sito

Immagine dal sito INAF.

dell’Istituto Nazionale di Astrofisica). Le nuove tecnologie a raggi infrarossi e GPS applicate all’archeologia hanno permesso di scoprire nuovi resti: nel 2009 sono stati portati alla luce nella regione occidentale di 290 km di muro prima coperti dalla sabbia del deserto (BBC).

La struttura
La Grande Muraglia è stata costruita per proteggere i confini nazionali. Torrette di avvistamento, stazioni di guarnigione e caserme per le truppe servivano a rafforzare le difese.
Le mura hanno una larghezza di quasi dieci metri e una lunghezza 6.259 km a cui si aggiungono 359 km di trincee e 2.232 km di barriere protettive naturali (montagne e fiumi), per un totale di 8.850 km.
La linea difensiva inizia a Ovest presso Jiayuguan (alle porte del deserto del Taklimakan) e arrivava all’Oceano Pacifico poco a Sud di Shanhaiguan. Qui la muratura si protende nell’acqua con una struttura, detta “Old Dragon’s Head” che ricorda proprio la testa di un drago.
Le mura più antiche erano costruite in pietra, terra battuta e legno. Quelle più recenti sono costruite in mattoni e pietre e il camminamento superiore è protetto da una serie di merlature.

La storia
L’imperatore Qin Shi Huang, dopo aver unificato la Cina nel 221 a.C., decise di proteggere il suo impero contro le incursioni della gente del Nord. Ordinò la costruzione del muro e fece abbattere le sezioni erette in precedenza lungo i vecchi confini. Qin Shi Huangdi, il Primo Imperatiore, mise la sua capitale a Xi’an e qui si fece seppellire con il famoso esercito di terracotta (Wikipedia).
La Grande Muraglia venne più volte ricostruita ed espansa. La struttura attualmente visibile risale soprattutto alla dinastia Ming (secoli XIV-XVII).

Su Google Maps: la Grande Muraglia a Badaling.

Fare Geo
Utilizza Google Maps o Google Earth per osservare la Grande Muraglia inserendo le coordinate geografiche.
Puoi avvicinarti ingrandendo l’immagine e osservare le foto inserite su Panoramio. L’attivazione delle immagini si effettua su Google Earth con l’opzione “Foto” e su Google Maps portando sul punto scelto l’omino disegnato sopra il simbolo + dello zoom.
Ecco tre coordinate geografiche:
● 39°48’5.07″N 98°12’58.00″E – Il forte di Jiayuguan, accesso occidentale alla Cina dove inizia la Grande Muraglia.
● 39°57’59.67″N 119°47’42.96″E – L’Old Dragon’s Head” sull’oceano.
● 40°21’15″N 116°00’25″E – Tratto di mura di Badaling, la zona più frequentata dai turisti, a una settantina di chilometri da Pechino.
● Tra il forte di Jiayuguan e l’Old Dragon’s Head (inizio e fine della muraglia) varia maggiormente la latitudine o la longitudine?
● Quali regioni italiane si trovano a una latitudine simile a quella del forte di Jiayuguan (circa 39-40 gradi)?

In «Geostoria»

Geografia e fotografia: come è evoluto il loro rapporto nella storia?

12/04/2018 da Redazione Geografia

Nel corso della storia la fotografia si è rivelata uno strumento indispensabile nella documentazione del territorio e nello studio delle sue trasformazioni. Marco Maggioli, professore ordinario di Geografia allo IULM di Milano, propone una riflessione su questo tema, utile alla preparazione per il concorso “Fotografi di classe 2018: I luoghi dell’incontro...

leggi

Insegnare storia

22/03/2018 da Redazione Geografia

Francesco Monducci è il curatore di Insegnare storia, un testo giunto ora alla terza edizione che si propone di offrire una panoramica completa e aggiornata delle pratiche didattiche attive dell’area geostorico-sociale, dalla scuola Primaria alla Secondaria di secondo grado...

leggi

Giorno della Memoria: proposte didattiche per una lezione non retorica

16/01/2018 da redazione DeaScuola

Come si può raccontare l’orrore dell’Olocausto agli studenti? Come è possibile parlare della Shoah e del Giorno della Memoria anche se sono lontani dal periodo storico che si sta studiando? La Memoria non si insegna...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA