Latitudine e longitudine su Google Maps

23/04/2012

Possiamo facilmente determinare le coordinate geografiche di un qualsiasi luogo della Terra utilizzando Google Maps.
Iniziamo dalla pagina iniziale di Google. Cliccando su “Maps” appare a destra l’Italia e a sinistra un riquadro (che si può nascondere) con indicazioni e opzioni.
L’Italia può essere visualizzata come immagine satellitare o come mappa e in questo caso è possibile selezionare l’opzione “rilievo” che mostra montagne,
pianure e vallate in modo molto chiaro.
Sul lato sinistro dell’immagine si trovano gli strumenti per spostarsi, ingrandire e ridurre la mappa, mentre in alto a destra è possibile selezionare tra varie opzioni di visualizzazione.
In alto si trova la riga in cui immettere la località da osservare in particolare.
Scegliamo la zona di “Ginevra, Svizzera”. Compare la mappa ingrandita: la città, indicata con il nome locale di “Geneve”, è segnalata da un bollino rosso con lettera A, che può essere nascosto andando nelle opzioni del riquadro “traffico”.
Cancellato il bollino, riduciamo l’ingrandimento in modo da vedere una zona più ampia con parte del lago.
Ora portatevi con il cursore nel lago e premete il tasto destro del mouse.
Nel riquadro che compare selezionate “Che cosa c’è qui” e vedrete disegnarsi una freccia verde nel lago nel punto che avete selezionato. Nel riquadro a sinistra il lago è indicato come “Lago Lemano”,  nome latino utilizzato in Francia e Svizzera.
Se aveste selezionato un punto nella città, la freccia sarebbe rimasta quasi tutta nascosta dal nuovo bollino rosso che riportava l’indirizzo.
Nel lago, invece, il bollino viene inserito nel suo centro (fuori del tratto di mappa visualizzato).
Se passate con il cursore sulla freccia appare un riquadro con le coordinate del punto. Il primo numero indica la latitudine e il secondo la longitudine, ma i due valori sono in gradi decimali, non gradi sessagesimali (con la solita suddivisione in gradi, primi e secondi).
Se premete con tasto sinistro sulla freccia appare un riquadro più grande che riporta le coordinate in entrambi i metodi.
Qui sotto potete vedere le coordinate di Piazza San Pietro a Roma. Dopo aver visualizzato la piazza in modalità satellitare ed averla ingrandita, sono state richieste le coordinate posizionando il cursore sull’obelisco centrale e attivando l’opzione “Che cosa c’è qui“. In questo caso il bollino rosso copre in gran parte la freccia verde.

Nuove funzioni per Maps
Maps mette a disposizione il suo laboratorio con nuove funzioni da provare. Da ricordare che queste utili funzioni non sono ancora inserite definitivamente in Maps e possono venire sospese. Per attivarle è necessario accedere al “Lab di Maps” dal riquadro sulla sinistra. In basso compare la dicitura su cui premere. Nella finestra che si apre selezioniamo come “attive” le funzioni che ci interessano, “comando LatLng” e “indicatore LatLng”, poi salviamo le modifiche.
Quando ci si sposta sulla mappa ora, premendo il tasto “SHIFT” (maiuscolo) , accanto al mouse compare una finestrella con le coordinate del punto. E selezionando l’opzione “Rilascia indicatore LatLng” (tasto destro) sulla mappa rimane un riquadro con le coordinate.
Se poi volete trasformare velocemente i valori da gradi decimali a gradi sessagesimali potete servirvi del convertitore disponibile sul web.

Fare Geo
Utilizzate Google Maps per determinare le coordinate del luogo in cui abitate, sia in gradi decimali sia in gradi sessagesimali.

In «Geografia fisica»

Il 5 aprile la Notte Europea della Geografia

02/04/2019 da Redazione Geografia

Come promuovere la conoscenza della Geografia in modo attivo e coinvolgente? Il 5 aprile, la Notte Europea della Geografia – alla sua seconda edizione in Italia – lo farà con laboratori, passeggiate, mostre e seminari in tutto il territorio nazionale...

leggi

Il luogo del mese: la diga e il lago di Lei

19/03/2019 da Carlo Guaita

Al confine tra Italia e Svizzera, a circa 2000 m di quota, sorge un capolavoro dell’ingegneria degli anni Cinquanta: è la grande diga della val di Lei, costruita per produrre energia idroelettrica. Il lago artificiale creato dallo sbarramento occupa la lunga valle, rendendola simile a un fiordo...

leggi

Atlarte, percorsi di Geografia e Arte: la Provenza di Cézanne

05/03/2019 da Francesco Cassone

Abbiamo inaugurato il percorso interdisciplinare dedicato al dialogo tra geografia e rappresentazione artistica con un itinerario alla scoperta della Provenza di Van Gogh. Esploriamo ora la stessa regione dal punto di vista del pittore Cézanne...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA