Lo smog accorcia la vita: nel nord della Cina si vive 5 anni di meno

15/09/2013

Uno studio, pubblicato su “Proceedings of the National Academy of Sciences“, ha determinato che per gli abitanti delle regioni settentrionale della Cina la speranza di vita è di 5 anni più bassa rispetto a quella di coloro che vivono nelle terre meridionali (ANSA, MITnews). La causa è il maggiore inquinamento atmosferico dovuto all’utilizzo del carbone per il riscaldamento.
La linea di demarcazione è costituita dal fiume Huai, un corso d’acqua minore che scorre da est a ovest tra il Fiume Giallo (o Huang He), che si trova più a nord, e il Fiume Azzurro o (Chang Jiang o Yangtze), più a sud.
Nelle regioni settentrionali il clima nei mesi invernali è molto rigido e, per aiutare la popolazione a riscaldarsi, il governo cinese ha fornito gratuitamente il carbone agli abitanti. Un aiuto che si è rivelato dannoso per la salute. Lo smog provocato dalla combustione del carbone ha provocato danni all’apparato respiratorio causando, a partire dal 1990, differenze notevoli nella speranza di vita tra chi vive nelle due regioni della Cina.
Lo studio, attuato da ricercatori dell’Università di Harvard, ha analizzando le concentrazioni medie di particelle inquinanti in 90 città cinesi tra il 1981 e il 2000: la concentrazione di particelle inquinanti nell’area nord è risultata di 184 microgrammi per metro cubo superiore a quella nell’area sud (il 55% in più). E le speranze di vita sono risultate di 5,5 anni inferiori alla media per tutte le fasce d’età, la causa è soprattutto l’aumento della mortalità dovuto a motivi cardiorespiratori (malattie cardiache, ictus, cancro ai polmoni e malattie respiratorie). La differenza nella durata media della vita si è rilevata già a partire dal 1990 e l’unico fattore che ha differenziato le due zone è stato l’utilizzo del carbone.
Lo studio, inoltre, ha messo in evidenza come la presenza dello smog influisca sulla speranza di vita ovunque: secondo i ricercatori un aumento di 100 g/m³ la riduce di 3 anni già alla nascita. Un motivo in più per ridurre al più presto l’utilizzo dei combustibili fossili.

Fare Geo
Huai_map● Visualizza con grafici i dati relativi alla speranza di vita e all’inquinamento riportati nel testo.
● Il percorso molto irregolare con numerosi cambi di direzione del fiume Huai ne rende irregolare anche il regime e le inondazioni sono frequenti. Inoltre questo fiume ha mutato più volte il suo corso. Un tempo, superato il lago Hongze, proseguiva verso il Mar Giallo, ma i sedimenti portati dal Fiume Giallo (soprattutto dopo gli interventi attuati durante la Seconda guerra mondiale che ne hanno aperto gli argini meridionali) hanno causato l’insabbiamento dello Huai. Oggi il fiume esce dal lago a sud e si dirige verso il Fiume Azzurro in cui confluisce in prossimità della foce. Individualo sulla carta della zona qui a lato e indica il nome del canale artificiale da cui è attraversato.
● Utilizzando la carta fisica dell’atlante o internet, individua il parallelo lungo il quale scorre il fiume Huai. Si trova più a nord o più a sud di Roma?

In «Ambiente»

Esperienze responsabili: turismo di comunità

16/04/2019 da Daniela Campora

Inauguriamo qui una serie di post dedicati alle buone pratiche di turismo responsabile, raccontando le esperienze più significative. Partiamo da questa domanda: come recuperare e valorizzare territori a scarso sviluppo economico come quelli di molte aree montuose italiane?   Il turismo di comunità è una delle forme più autentiche di turismo responsabile e si basa sul ruolo della comunità locale nella gestione delle attività turistiche...

leggi

Il 5 aprile la Notte Europea della Geografia

02/04/2019 da Redazione Geografia

Come promuovere la conoscenza della Geografia in modo attivo e coinvolgente? Il 5 aprile, la Notte Europea della Geografia – alla sua seconda edizione in Italia – lo farà con laboratori, passeggiate, mostre e seminari in tutto il territorio nazionale...

leggi

2100, Italia sott’acqua: porti e aree costiere a rischio

26/03/2019 da Enzo Fedrizzi

A causa del riscaldamento globale, entro il 2100 buona parte delle coste italiane rischia di essere sommersa dal mare: secondo le proiezioni dell’ENEA, il suo livello potrà innalzarsi di oltre 1 metro...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA