Marzo ci salva dalla siccità

16/03/2016

L’inverno 2015-2016 è stato decisamente anomalo: secco e non freddo.
Con precipitazioni, ben al di sotto delle medie stagionali il rischio siccità è notevolmente aumentato. In genere il pericolo è presente nelle regioni meridionali, dove in estate l’acqua sovente scarseggia, mentre quest’anno è a rischio soprattutto la Pianura Padana.
Dicembre e gennaio hanno fatto registrare record negativi con piogge ridotte di quasi il 90%  (Coldiretti) rispetto alla media. Il Po era ormai a 4 m sotto il livello normale e i laghi al minimo: a fine gennaio il lago Maggiore era sceso al 17% della sua capacità, quello di Como al 12%, quello di Garda al 33%.
Si poteva camminare sul letto del Ticino in secca e a Torino la Dora era quasi priva d’acqua (immagini in basso).Ticino_Dora

Ancora più grave la mancanza di nevicate sulle vette alpine che ha rovinato la stagione sciistica, ma che soprattutto non ha alimentato ghiacciai e nevai, i serbatoi necessari al rifornimento idrico durante i mesi estivi di tutta la Pianura Padana, mettendo a rischio l’ambiente naturale e le coltivazioni (La Repubblica, La Stampa).
Una situazione pericolosa, con riserve idriche così limitate da costringere i comuni a limitare l’utilizzo dell’acqua. Inoltre, la mancanza delle piogge ha fatto aumentare lo smog nelle città, con ricadute sulla salute degli abitanti.

cf6ad1a641ee2826d20195570de57c1bIl clima mediterraneo è caratterizzato da precipitazioni invernali ed estati secche: un inverno secco come questo potrebbe danneggiare notevolmente l’economia agricola di tutta la regione.
Oltre alla carenza d’acqua, i mesi scorsi hanno fatto registrare continui record di temperature (ANSA). Sono ormai cinque mesi che le temperature del nostro pianeta superano di oltre un grado i valori medi e febbraio ha fatto registrare lo scarto maggiore: ben 1,35°C.

84182954-586x390Ma le stagioni sono cambiate e quest’anno l’inverno è arrivato a marzo: temperature più basse, piogge e neve (centrometeoiteliano). Il Po è finalmente tornato ai livelli soliti, le montagne sono nuovamente imbiancate e il rischio siccità sembra passato.

Un bene inestimabile

Dobbiamo però ricordarci di come l’acqua si un bene essenziale non solo per la nostra vita, ma per quella di tutta la Terra. Per questo nel 1992 l’ONU ha istituito la “giornata mondiale dell’acqua” che cade il 22 marzo. Un appuntamento importante, destinato a sensibilizzare tutti noi sul problema: evitare di sprecare acqua per non esaurire le riserve di acqua dolce che con il riscaldamento globale stanno ormai calando.


Fare Geo

  • Fai un’indagine sulle piogge cadute nella tua città durante i recenti mesi invernali e prepara una breve relazione. Noti differenze rispetto agli inverni scorsi?20130322_salvalagoccia
  • Negli anni scorsi Green Cross Italia ha indetto la campagna “Salva la Goccia” per promuovere iniziative volte al risparmio idrico. Nel 2014 invitava tutti ad una azione per tutelare le risorse idriche, mentre nel 2015 proponeva una ricetta per un menù a basso impatto energetico e idrico. Attivati anche tu invitando i tuoi compagni ad un’azione di questo tipo e poi prepara una relazione.

In «Ambiente»

Crescita della popolazione mondiale: quanti saremo nel 2050?

12/11/2018 da Enzo Fedrizzi

Si parla sempre meno dei dati di crescita della popolazione mondiale nel mondo, ma è un problema ancora attuale. Lo dimostrano i dati demografici del rapporto delle Nazioni Unite “World Population Prospects...

leggi

Siccità da record in Europa centro-settentrionale

06/09/2018 da Redazione Geografia

L’estate del 2018 è stata una delle più calde di sempre; il clima torrido ha interessato in particolare l’Europa centro-settentrionale. La Germania, il Benelux, la Scandinavia e la Gran Bretagna sono stati colpiti dalla siccità e da un caldo senza precedenti...

leggi

Alla scoperta di biomi ed ecoregioni

14/06/2018 da Silvia Minucci

Nella seconda metà del secolo scorso sono stati proposti alcuni schemi di classificazione degli ambienti. L’ultimo, realizzato nel 1998 da un team di biologi per il WWF, ha individuato 14 biomi terrestri, costituiti da oltre 800 ecoregioni, che a loro volta comprendono differenti ecosistemi...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA