Perché nevica più in Puglia e Sicilia che sulle Alpi?

16/01/2017

neve-auto-code-ANSA-TELEFOTO-kr0C--835x437@IlSole24Ore-WebNei giorni passati gran parte d’Italia è rimasta bloccata dal maltempo. I disagi hanno coinvolto tutto il sud con gelo e nevicate che hanno imbiancato anche le spiagge siciliane.
Viabilità interrotta con strade e autostrade bloccate dalla neve e treni fermi, scuole chiuse, industrie che hanno dovuto fermare le produzioni mentre i raccolti invernali sono rovinati dalle gelate.
Il gelo ha causato vittime, 9 i morti per il freddo, e danni incalcolabili (Sole24Ore). Molti paesi sono rimasti completamente isolati, senza corrente e senza acqua (Repubblica Bari). Gravi le condizioni delle zone colpite dall’ultimo terremoto dove il freddo acuisce  le difficoltà ancora presenti (ANSA, tg24).

Droni_GravinaIn Abruzzo e Molise le grandi nevicate non sono una novità, ma quest’anno tutto il sud è stato colpito: Puglia, Campania, Basilicata, Calabria e Sicilia, zone dove la popolazione non era attrezzata.
A Matera il ghiaccio ha creato gravi problemi, mentre a Gravina di Puglia la Polizia Municipale ha utilizzato anche un falco elettronico (drone) per aiutare i soccorsi nelle aree rurali dove si sono formati muri di neve alti oltre un metro (La Stampa).
La cascata delle Marmore ha formato stalattiti di ghiaccio (qui a lato), il outw48-12Vesuvio si è imbiancato e in Sicilia la neve ha coperto non solo la vetta dell’Etna, ma anche il litorale ai suoi piedi (in alto la spiaggia Letojanni vicino a Taormina, da La Sicilia), così come la costa di Santa Maria di Leuca, la punta più meridionale della Puglia.

Al nord, invece, il freddo si è fatto sentire meno e solo con lievi nevicate. Ma la nuova ondata di gelo si sta abbattendo su tutta la penisola, anche se le nevicate continueranno ad essere più intense nelle regioni meridionali. Lo dice il meteorologo colonnello Mario Giuliacci nel suo sito. Qui a lato la mappa con le nevicate previste per questi giorni.

Perché nevica più in Puglia e Sicilia che sulle Alpi?
Copia-di-mussomeli-01-407x420
La Terra si sta riscaldando, ma in Italia sembra che il fenomeno coinvolga soltanto l’Italia settentrionale, con le Alpi e la Pianura Padana dove le nevicate si sono ridotte del 50% negli ultimi trenta anni, mentre al sud la neve cade sempre abbondante. Il motivo delle differenze tra nord e sud, dovuto alla diversa provenienza dei venti, ce lo spiega il meteorologo Luca Mercalli (La Stampa).
I freddi venti artici del nord-est che scendono dalla Russia trovano sbocco verso l’Adriatico, ma difficilmente arrivano nelle Alpi occidentale e sulla Pianura Padana, zone raggiunte invece dalle perturbazioni provenienti dall’Atlantico, generalmente meno fredde.
Il riscaldamento globale, in media di circa 1°C, influisce sul regime nevoso delle Alpi perché questo aumento è sufficiente a trasformare la neve in pioggia sotto i mille metri di quota. Inoltre le Alpi formano una barriera e, per effetto-foehn, l’aria si asciuga quando risale le montagne e quando, superate le vette scende sul versante italiano, le precipitazioni sono scarse. Ed ecco che nel nord Italia negli ultimi anni gli inverni sono meno freddi e più secchi.
Diversa la situazione nella penisola battuta dai gelidi venti che arrivano dalla Russia dopo aver attraversato l’Adriatico. L’aria fredda assorbe umidità dal mare formando caratteristiche strisce di nubi parallele (dette “cloud-streets”) che raggiungono la costa italiana dove, fermate dalla catena appenninica, danno origine a forti nevicate. I venti  proseguono verso sud e raggiungono le regioni più meridionali.


Fare Geo

  • Osserva la carta in alto con le previsioni delle precipitazioni nevose dal 13 al 19 gennaio: in quali regioni sono previste le maggiori nevicate? In quali zone delle Alpi è prevista neve?
  • Amatrice_neveNei prossimi giorni il gelo continuerà: tieni nota fino a fine gennaio delle temperature e delle precipitazioni ad Amatrice, uno dei paesi distrutti dall’ultimo sisma (foto da Quotidiano.net), e prepara una breve relazione su quanto osservi e sulle condizioni degli sfollati (puoi utilizzare il sito ilmeteo).

 

© 2015-2017 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA