Pannelli solari: la svolta green della California

24/05/2018

 

Tutte le case che verranno costruite in California a partire dal 2020 saranno dotate di pannelli solari. È quanto ha deciso di recente la California Energy Commission all’interno di un piano più ampio che prevede che, entro il 2030, il 50% dell’energia del grande Stato americano provenga da fonti rinnovabili. La California, infatti, è in prima linea nelle politiche energetiche e ecologiche, volte a ridurre l’inquinamento e a combattere il riscaldamento globale con interventi relativi ai trasporti, all’organizzazione dello spazio urbano e agli allevamenti intensivi.

La legge sui pannelli solari, in particolare, non era mai stata adottata in America e contribuirà in modo significativo alla lotta contro l’effetto serra: si prevede che in California, in tre anni, saranno prodotte 700 000 tonnellate in meno di gas serra, che corrispondono alle emissioni di 115 000 automobili.

Questa tecnologia, dimezzando i consumi di energia nelle nuove abitazioni, garantirà un risparmio in bolletta di 633 dollari all’anno. In questo modo, in circa quindici anni verrà ripagato il costo dei pannelli solari – pari a quasi 10 000 dollari – che va ad aggiungersi a quello già molto alto delle abitazioni in California.

Uno dei meriti del provvedimento è quello di trasformare l’energia solare da mercato di nicchia, riservato ai più abbienti tra gli individui sensibili ai problemi ambientali, a mercato di massa.

Le iniziative della California entrano in contrasto con le decisioni di Trump di prediligere l’energia fossile rispetto a quella rinnovabile: basti pensare ai dazi che ha imposto sui pannelli solari importati dalla Cina, che hanno fatto aumentare il costo delle installazioni. Eppure il Golden State, anche per le dimensioni del suo territorio, rappresenta un riferimento per altri Stati americani, che potrebbero imitarne le politiche.

 

Emissioni di anidride carbonica per settore in California, dal 1990 al 2015 e prospettive di riduzione entro il 2050. Fonte: EIA

In «Ambiente»

Mar Caspio e Mar Morto: due laghi salati da record

12/07/2019 da Silvia Minucci

Mari o laghi? Il loro nome non inganni: Mar Caspio e Mar Morto in realtà sono laghi salati. E hanno caratteristiche da record.   I laghi, infatti, non sempre sono d’acqua dolce, alcuni hanno acque salate: sono quelli che si trovano al centro di bacini endoreici, cioè privi di uno sbocco al mare o all’oceano...

leggi

Video 3D con Relive, l’app per giovani geografi in vacanza

30/05/2019 da Luca Montanari

Le vacanze estive sono alle porte e per i giovani studiosi di geografia è il momento di mettersi alla prova divertendosi, in qualunque contesto all’aria aperta e in compagnia degli amici. Un anno dopo le “5 attività da non perdere per giovani geografi in vacanza”, proponiamo di realizzare coinvolgenti video 3D con l’app Relive, che consente di tenere traccia delle escursioni, registrando dati geografici come condizioni meteorologiche, elementi dell’ambiente naturale e attività umane...

leggi

Esperienze di turismo responsabile: la villeggiatura

16/05/2019 da Daniela Campora

Nel primo post dedicato alle buone pratiche di turismo responsabile, abbiamo raccontato alcune esperienze di turismo di comunità. Esploriamo ora la villeggiatura responsabile: quali caratteristiche devono avere le strutture ricettive destinate a questa forma di turismo? a quali tipologie appartengono e quali attività organizzano? Ecco alcuni esempi presenti sul territorio italiano...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA