Pannelli solari: la svolta green della California

24/05/2018

 

Tutte le case che verranno costruite in California a partire dal 2020 saranno dotate di pannelli solari. È quanto ha deciso di recente la California Energy Commission all’interno di un piano più ampio che prevede che, entro il 2030, il 50% dell’energia del grande Stato americano provenga da fonti rinnovabili. La California, infatti, è in prima linea nelle politiche energetiche e ecologiche, volte a ridurre l’inquinamento e a combattere il riscaldamento globale con interventi relativi ai trasporti, all’organizzazione dello spazio urbano e agli allevamenti intensivi.

La legge sui pannelli solari, in particolare, non era mai stata adottata in America e contribuirà in modo significativo alla lotta contro l’effetto serra: si prevede che in California, in tre anni, saranno prodotte 700 000 tonnellate in meno di gas serra, che corrispondono alle emissioni di 115 000 automobili.

Questa tecnologia, dimezzando i consumi di energia nelle nuove abitazioni, garantirà un risparmio in bolletta di 633 dollari all’anno. In questo modo, in circa quindici anni verrà ripagato il costo dei pannelli solari – pari a quasi 10 000 dollari – che va ad aggiungersi a quello già molto alto delle abitazioni in California.

Uno dei meriti del provvedimento è quello di trasformare l’energia solare da mercato di nicchia, riservato ai più abbienti tra gli individui sensibili ai problemi ambientali, a mercato di massa.

Le iniziative della California entrano in contrasto con le decisioni di Trump di prediligere l’energia fossile rispetto a quella rinnovabile: basti pensare ai dazi che ha imposto sui pannelli solari importati dalla Cina, che hanno fatto aumentare il costo delle installazioni. Eppure il Golden State, anche per le dimensioni del suo territorio, rappresenta un riferimento per altri Stati americani, che potrebbero imitarne le politiche.

 

Emissioni di anidride carbonica per settore in California, dal 1990 al 2015 e prospettive di riduzione entro il 2050. Fonte: EIA

In «Ambiente»

Dal turismo d’evasione al turismo d’invasione

08/02/2019 da Daniela Campora

Come è cambiato nel tempo il concetto di viaggio e come si è trasformato in turismo di massa? E quali sono le conseguenze di un fenomeno in costante crescita? Il problema del sovraffollamento non sostenibile delle destinazioni turistiche, definito “overtourism”, va combattuto praticando il turismo responsabile, che rispetta il territorio e le popolazioni locali...

leggi

La Via della Seta Polare: dalla Cina all’Europa attraverso l’Artico

05/02/2019 da Enzo Fedrizzi

Ispirato all’antica Via della Seta, il progetto cinese Belt and Road Initiative prevede lo sviluppo di tre vie commerciali tra Cina ed Europa: una terrestre, una marittima e una polare. La Via della Seta Polare, che attraverserà l’Oceano Artico, sta diventando praticabile nei mesi estivi grazie al progressivo scioglimento della calotta glaciale, dovuto al riscaldamento globale...

leggi

Crescita della popolazione mondiale: quanti saremo nel 2050?

12/11/2018 da Enzo Fedrizzi

Si parla sempre meno dei dati di crescita della popolazione mondiale nel mondo, ma è un problema ancora attuale. Lo dimostrano i dati demografici del rapporto delle Nazioni Unite “World Population Prospects...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA