Per vivere meglio, puliamo la nostra aria

08/05/2017

CS INT Inquinamento Italia copiaL’aria delle città italiane lascia a desiderare: nel 2016 ben 32 hanno superato per oltre 35 giorni i limiti di Pm10 (polveri sottili) imposti dalla legge. La peggiore Torino, seguita da Frosinone e Milano (Il Corriere).
Il rapporto di LegambienteMal’aria di città 2017” pubblicato all’inizio di quest’anno mette in evidenza la situazione delle città italiane ancora critica, sebbene migliorata rispetto all’anno precedente quando furono 48 a oltrepassare i limiti: “Migliorano di poco, troppo poco, i dati legati a Pm10 e NO2, contestualmente però crescono complessivamente le auto immatricolate, cala l’utilizzo del trasporto pubblico e aumenta in modo impercettibile lo spazio urbano riservato ai pedoni.

Principale obiettivo del rapporto è però rendere le nostre città più vivibili e per questo propone “10 mosse per uscire dallo smog e ridisegnare le città”:

  1. Ridisegnare strade, piazze e spazi pubblici: favorire spostamenti a piedi e in bicicletta.
  2. Aumentare il verde urbano. Piantare alberi per assorbire emissioni inquinanti e CO2.
  3. Una mobilità verso “emissioni zero”.
  4. Priorità alla mobilità pubblica.
  5. Fuori i diesel e i veicoli più inquinanti dalle città.
  6. Road pricing e ticket pricing: istituire zone a pedaggio urbano.
  7. Riqualificazione degli edifici, per ridurre consumi energetici ed emissioni inquinanti.
  8. Riscaldarsi senza inquinare.
  9. Rafforzare i controlli su emissioni auto, caldaie, certificazione energetica degli edifici.
  10. Intervenire anche sulle altre fonti di inquinamento.

qualita_aria_7_5Naturalmente l’aria risulta più inquinata in inverno, quando alle emissioni prodotte dai veicoli si sommano quelle degli impianti di riscaldamento. Su Il Meteo possiamo osservare in diretta la qualità dell’aria in Italia: qui a lato la situazione la sera del 5 maggio.
Oggi sono disponibili mappe interattive che ci permettono di osservare l’inquinamento dell’aria in tutto il mondo. Dal “Global ambient air pollution” dell’OMS (Organizzazione mondiale della sanità, WHO in inglese) in cui i pallini presentano il livello di inquinamento nelle principali città, all’AirVisual, la mappa mondiale che fornisce in diretta il livello di inquinamento realizzata da una startup francese nei suoi laboratori di Pechino (La Repubblica).

Mappa_WHO_AirVisual

La mobilità sostenibile

cartina1Molti degli interventi proposti da Legambiente riguardano la mobilità urbana che deve diventare sostenibile riducendo le emissioni di polveri sottili e altre sostanze inquinanti. Dobbiamo operare tutti in questa direzione utilizzando il più possibile i mezzi pubblici o spostandoci in bicicletta o a piedi.
Sembra ormai prossimo l’abbandono del diesel e poi della benzina a favore dei veicoli ibridi ed elettrici grazie alla riduzione dei costi delle batterie. Secondo Alix partners in Europa nel 2030 le vetture diesel saranno soltanto il 9% del totale (Sky TG24) e quattro metropoli, Città del Messico. Parigi, Madrid e Atene, hanno preso l’impegno di eliminarle entro il 2025 (Sky TG24). E la Germania punta ad introdurre il divieto di immatricolazione dal 2030 per auto sia diesel sia a benzina, non solo nel Paese, ma in tutta l’Europa (La Stampa).
L’OMSI (Osservatorio Mobilità Sostenibile in Italia) monitora 50 città italiane fornendo dati, grafici e mappe interattive riguardanti la qualità dell’aria e la mobilità urbana. A lato le città monitorate e qui sotto le mappe relative alle città che utilizzano il “bike sharing” e il “car sharing” con il rapporto tra utenti e popolazione.
Bike_Car_Sharing


Tutti in bici

Tour_in_bicicletta_a_Parco_Giardino_SigurtàLa prossima domenica, 14 maggio, è la “Giornata nazionale della bicicletta” indetta dal Ministero dell’Ambiente proprio per ridurre l’inquinamento delle nostre città.
Come ogni anno, Bimbimbici propone e organizza per la giornata varie attività, tra cui il concorso per racconti, quest’anno con protagonista un “un supereroe che combatte smog e inquinamento acustico in sella alla sua bici”.


Fare Geo

  • Visualizza con una serie di vignette le 10 mosse per migliorare l’aria delle nostre città e prepara una slide o un cartellone.
  • Utilizza il sito dell’OMSI per valutare la qualità dell’aria e il livello di mobilità sostenibile di una città della tua regione. Prepara una breve relazione su quanto hai scoperto.
  • Scegli una località in qualsiasi parte del mondo e accedi una volta alla settimana ai siti dell’OMS e dell’AirVisual per osservare come varia l’inquinamento anche i relazione alle condizioni climatiche (che puoi scoprire su Google Earth). Tieni nota delle osservazioni e dopo una decina di settimane prepara una slide che le visualizzi.
© 2015-2017 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA