Qual è il costo in salute dell’inquinamento?

30/10/2017

Nonostante le temperature record di questo mese con le “ottobrate romane” che si sono diffuse in tutta Italia, ormai le notti sono diventate più fredde e, con l’accendersi degli impianti di riscaldamento, lo smog è subito aumentato.
310899ce6ab47f022857d3e0acce42c0In alto un’immagine della NASA del 17 marzo 2005 che evidenzia l’inquinamento atmosferico sulla Pianura padana, mentre a lato la foto della stessa zona scattata due settimane fa da Paolo Nespoli dalla Stazione spaziale (ANSA). La coltre di smog sulla Pianura Padana non è cambiata ed è la nostra salute a rimetterci.

Evitare di camminare a piedi per strada chiudendosi in auto è però ancora peggio. Alcuni ricercatori statunitensi hanno scoperto che china-environment-pollution-health-economy-457643010-e1500385154138l’aria interna all’abitacolo contiene il doppio di sostanze inquinanti di quella all’esterno (Sole24Ore).
Sempre più diffuse le mascherine antismog, ma è necessario seguire bene le istruzioni: farle aderire completamente al viso coprendo naso e bocca e non superare il tempo indicato, perché non perda la capacità di filtraggio.

I danni alla salute

Impatto sanitario dell'inquinamento atmosfericoRespirare gas tossici , microparticelle (PM10) e polveri sottili (PM2,5) causa molti problemi sanitari. I dati dell’OMS dimostrano che l’aumento di sostanze inquinanti nell’aria comporta una crescita analoga degli effetti sulla salute della popolazione: la tabella a lato mostra l’incremento percentuale nella frequenza dei fenomeni sanitari in una città all’aumentare di 10 µg/m3 di PM10 (linee guida sulla qualità del’aria OMS 2000, da Arpae).

Gli effetti dell’inquinamento atmosferico sulla nostra salute variano dall’acutizzarsi delle malattie dell’apparato respiratorio, come l’asma (Il Corriere) e le broncopatie, al maggior rischio di infarto, al pericolo di insorgenza di diabete (Sole24Ore) e, a lungo andare, allo sviluppo di tumori ai polmoni (Fondazione Veronesi).mappa_pianura_padana

Possiamo scoprire come è l’aria della nostra città sul sito interattivo con il Monitoraggio dell’Indice di Qualità dell’Aria dell’Università di Pisa (MonIQA), qui a lato la mappa della Pianura Padana.

L’inquinamento atmosferico non è sempre e solo colpa dell’uomo.incendio-3-kwFB--835x437@IlSole24Ore-Web
A causa della siccità, delle temperature superiori alla media e del vento, nei giorni scorsi in Piemonte sono divampati incendi che hanno distrutto vaste aree boschive e messo a rischio le abitazioni, molti gli sfollati in Valsusa (Sole24Ore, La Stampa).
Polveri e fumi provocati dai roghi hanno formato una coltre GRAFICO_smog-01che ha raggiunto la pianura e, soprattutto a Torino, dove la quantità di polveri sottili è cresciuta notevolmente (Repubblica, ANSA).
A lato la mappa della nube di fumo che venerdì ha coperto la zona meridionale di Torino e il grafico con l’andamento a ottobre delle polveri sottili nella città, da il Sole24Ore.

piatto_velenoIl pericolo nel piatto

Non è solo l’inquinamento atmosferico a rovinare la nostra salute. I veleni immessi nell’ambiente, infatti, finiscono facilmente sulla nostra tavola. Tra le sostanze più pericolose i metalli pesanti, che possono trovarsi, oltre che nell’atmosfera, nelle acque e nei terreni agricoli e si accumulano nei tessuti di pesci ed altri animali (EpiCentro).

Il cadmio può causare osteoporosi, danneggiare i reni e provocare cancro ai polmoni.

Il piombo, un tempo utilizzato comunemente per le tubature, è un potente neurotossina che causa molti disturbi i organi diversi: la sua intossicazione è detta saturnismo. Il piombo può provocare morte neonatale e nei bambini ritardo nello sviluppo e difficoltà di apprendimento.

Il mercurio può causare la morte. Danneggia tutti i nostri organi: apparato digerente, circolatorio, respiratorio, poi reni e anche il sistema nervoso, con perdita di memoria e instabilità. termometro_mercurio
Il termometro a mercurio è stato abbandonato già dal 2009, ma questo metallo si trova in molti altri apparecchi (batterie, lampadine e dispositivi elettronici). L’UE ha contribuito all’entrata in vigore il 16 agosto di quest’anno della Convenzione Minamata dell’ONU, che ridurrà notevolmente l’utilizzo del mercurio in tutti i settori e ne regolerà lo smaltimento (Commissione Europea, ONU).


Fare Geo

  • Durante questo inverno utilizza una volta alla settimana il sito MonIQA per controllare la qualità dell’aria nella città in cui vivi o nel capoluogo della tua regione. Annota il dato su un quaderno e al termine prepara una relazione su quanto hai scoperto.
  • Fai un’indagine nella tua scuola sulla diffusione di patologie legate all’inquinamento e prepara alcuni grafici che illustrino i dati raccolti.

 

© 2015-2017 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA