Qual è la destinazione di chi attraversa il Mediterraneo?

20/05/2015

Di Viviana Brun, Cisv-Ong 2.0

Si parla molto in questo periodo delle centinaia di profughi che provano a entrare in Europa attraversando il Mar Mediterraneo. Sui media italiani se ne parla così spesso e con termini così fortemente evocativi (“invasione migrante” e “emergenza immigrazione” per fare degli esempi) che si è portati a pensare che si tratti di un numero d’ingressi di dimensioni spropositate e che ad accogliere tutte queste persone sia soprattutto il nostro paese.
Ma siamo sicuri che non si tratti di una percezione errata?
L’Italia, per via della sua posizione geografica, è uno dei luoghi di approdo più facilmente raggiungibili dai migranti provenienti da sud. Dati alla mano, però, ciò che emerge è che, nonostante la sua posizione al centro del Mediterraneo, l’Italia non è il paese europeo che riceve il maggior numero di richieste di asilo.

Secondo Eurostat, infatti, nel 2014 a essere in testa è la Germania, con quasi 173mila nuove domande di asilo, circa il triplo di quelle che si è trovata ad affrontare l’Italia.
Se incrociamo il dato relativo ai richiedenti asilo con il numero degli abitanti, scopriamo che è la Svezia il paese che accoglie il maggior numero di persone in attesa di asilo. L’Italia, con i suoi 60 milioni di abitanti, riceve un numero di richieste di poco superiore a quello della Francia, ma è superata da Ungheria, Austria, Svizzera, Danimarca, Norvegia, Germania, Bulgaria, Olanda e Belgio.
Come si spiega questo risultato?
Secondo i dati forniti da Il Sole 24 Ore “in Italia molti migranti fuggono dai centri di accoglienza e oppongono resistenza ai tentativi della polizia di identificarli, per cercare di raggiungere parenti o amici oppure cercare opportunità di lavoro nel nord Europa. In Italia l’anno scorso sono sbarcati circa 170mila migranti, ma è emerso che il paese sta dando accoglienza a circa 85mila richiedenti asilo”.

eurostat

Se questo è ciò che accade in Europa, cosa succede all’interno dei confini italiani? Dove vengono accolte le persone che arrivano nel nostro paese?
Il Ministero dell’Interno sul suo sito fornisce il quadro statistico sulle presenze dei migranti nelle strutture d’accoglienza in Italia. In questo documento dettagliato, è possibile vedere con chiarezza come da sole, nel mese di febbraio 2015, due regioni, la Sicilia e il Lazio, fossero in grado di accogliere un terzo di tutte le persone presenti nei centri di accoglienza (Cpsa, Cda, Cara), nei centri di identificazione ed espulsione (Cie), nelle strutture temporanee, nell’ambito del Sistema di protezione richiedenti asilo e rifugiati (Sprar) presenti sul nostro territorio nazionale.

febbraio2014Per avere un indicatore più significativo della reale capacità di accoglienza di ogni regione, Il Sole 24 Ore si è occupato di misurare qual è il numero di immigrati per 10mila abitanti. Da questo calcolo emerge che, con 36 migranti ospitati per ogni 10mila abitanti, è il Molise la regione italiana più accogliente.

In «Cittadinanza»

Dal turismo d’evasione al turismo d’invasione

08/02/2019 da Daniela Campora

Come è cambiato nel tempo il concetto di viaggio e come si è trasformato in turismo di massa? E quali sono le conseguenze di un fenomeno in costante crescita? Il problema del sovraffollamento non sostenibile delle destinazioni turistiche, definito “overtourism”, va combattuto praticando il turismo responsabile, che rispetta il territorio e le popolazioni locali...

leggi

“Fotografi di classe” 2019: il Paese che vorrei

14/01/2019 da Redazione Geografia

  Quali paesaggi, intorno a noi, ospitano la bellezza che vorremmo preservare per il futuro? Quali ambienti, invece, sono simbolo di un degrado che dobbiamo impegnarci a sconfiggere? In quali spazi si mettono in atto progetti per costruire una società più giusta e interculturale, e chi sono i loro protagonisti? Dove si trovano, invece, esempi di emarginazione su cui richiamare l’attenzione? L’edizione 2019 del concorso “Fotografi di classe”, dal tema “Il Paese che vorrei...

leggi

Il turismo sostenibile secondo la Dichiarazione di Berlino

04/12/2018 da Daniela Campora

Il turismo è un’attività economica “trasversale” che può incidere positivamente sulla vita quotidiana dei locali, sull’ambiente e sulla cultura. Come abbiamo visto nel post Metti in Agenda il turismo, quello responsabile!, perché ciò accada è necessario cambiare l’attuale modello turistico non responsabile: la Dichiarazione di Berlino incoraggia a farlo promuovendo il turismo sostenibile...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA