Ritorna El Niño, oltre 4 milioni di persone a rischio siccità

18/10/2015

El_Nino-300x200I meteorologi prevedono che nel 2015-2016 El Niño avrà effetti disastrosi con la siccità che colpirà il Sud-est Asiatico, l’Africa orientale, l’Australia settentrionale e le isole del Pacifico occidentale (Fiji, Tonga, Isole Salomone…), mentre piogge torrenziali e cicloni devasteranno il Pacifico centrale e l’America.
E’ l’Ufficio Onu per il Coordinamento degli Affari Umanitari che ha lanciato l’allarme. Secondo l’ONU nei Paesi del Pacifico meridionale saranno 4,1 milioni le persone a rischio di rimanere senza acqua potabile,
Ba-Hills_0-300x102con scarse risorse alimentari e aumento delle malattie. Quest’anno, infatti, El Niño sarà ancor più forte di quello che nel 1997-98 ha fatto 23.000 vittime, soprattutto nelle isole Fiji (ONU).

Che cosa è El Niño
El Niño consiste in un riscaldamento ciclico che si presenta ogni 3-7 anni nelle acque del Pacifico tropicale, ma i suoi effetti si ripercuotono su tutto il globo (ONU). Il fenomeno può durare da sei mesi a due anni e le conseguenze dipendono dall’aumento della temperatura che può arrivare a 3-4°C. Qui sotto il confronto tra il riscaldamento che si verificò nel novembre del 1997 e quello registrato a luglio di quest’anno.el-nino-molto-simile-al-97-98-3bmeteo-67626

L’aumento di temperatura delle acque oceaniche provoca una diminuzione della pressione
El_Nino_schema_-300x161atmosferica su tutto il Pacifico centro-orientale, mentre in quello occidentale e nell’Oceano Indiano si ha un aumento della pressione atmosferica. L’aria calda e umida che si alza in prossimità della costa del Perù porta piogge nei deserti andini e un aumento delle precipitazioni e dei cicloni in tutto il Pacifico centrale (ONU).
A El Niño si alterna sovente a la Niña, l’effetto opposto che causa un raffreddamento anomalo del Pacifico orientale.

Le previsioni per il 2015-2016
Il riscaldamento delle acque, iniziato già nei primi mesi di quest’anno, a marzo ha dato origine al ciclone Pam che ha devastato l’arcipelago di Vanuato distruggendo abitazioni e colture. E nei mesi successivi gli sforzi per la ricostruzione sono stati ostacolati dalla siccità: la scarsità di cibo e di acqua potabile ha causato disidratazione e diarrea che hanno colpito soprattutto i bambini.
L’ONU ha preparato un depliant con una sintesi degli effetti di El Niño nel 1997-98 e una mappa con le zone maggiormente interessate dai cambiamenti climatici. Le aree individuate non sono limitate al Pacifico centrale e all’Oceano Indiano, gli effetti si sentono anche in alcune zone si affacciano sull’Atlantico, in Alaska e in Canada.

Prepararsi in tempo

mappa1-300x163Per limitare i danni è importante prepararsi adeguatamente: l’ONU ha fornito una serie di consigli per le popolazioni che vivono nelle zone più a rischio (ONU).
La siccità mette in crisi la produzione agricola e riduce la disponibilità di acqua che viene così utilizzata soprattutto per bere e cucinare, a scapito dell’igiene e della salute. Per questo si consiglia di piantare colture più resistenti alla siccità e di utilizzare tecniche di irrigazione che permettono di ridurre l’utilizzo di acqua.
Nelle aree a rischio di cicloni è necessario preparare rifugi ben protetti e premunirsi di beni di prima necessità e di cibo a lunga conservazione.

Fare Geo
• Osserva la mappa preparata dall’ONU relativa ai cambiamenti climatici verificatisi nel 1997-98, confrontala con un planisfero politico e individua:
__ – i Paesi colpiti dalla siccità,
__ – i Paesi dove si sono intensificate le piogge o sono aumentati i cicloni,
__ – le zone dove le temperature sono aumentate,
__ – i continenti che non sono stati coinvolti nel 1997-98.

In «Ambiente»

Siccità da record in Europa centro-settentrionale

06/09/2018 da Redazione Geografia

L’estate del 2018 è stata una delle più calde di sempre; il clima torrido ha interessato in particolare l’Europa centro-settentrionale. La Germania, il Benelux, la Scandinavia e la Gran Bretagna sono stati colpiti dalla siccità e da un caldo senza precedenti...

leggi

Alla scoperta di biomi ed ecoregioni

14/06/2018 da Silvia Minucci

Nella seconda metà del secolo scorso sono stati proposti alcuni schemi di classificazione degli ambienti. L’ultimo, realizzato nel 1998 da un team di biologi per il WWF, ha individuato 14 biomi terrestri, costituiti da oltre 800 ecoregioni, che a loro volta comprendono differenti ecosistemi...

leggi

Giornata mondiale dell’ambiente 2018: per un mondo senza plastica

05/06/2018 da Silvia Minucci

Il 5 giugno si celebra la Giornata mondiale dell’ambiente, istituita nel 1972 dall’Onu con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dell’inquinamento e della tutela ambientale...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA