Sappiamo tutto sui continenti?

23/11/2014

Per prima cosa quanti sono i continenti? Difficile dare una risposta perché il numero varia secondo il criterio scelto.
Si parla comunemente di cinque continenti: Europa, Africa, Asia, America e Oceania. Questo è il modello utilizzato per la bandiera olimpica, con i cinque cerchi intrecciati di colore diverso per ciascun continente: verde per l’Europa, nero per l’Africa, giallo per l’Asia, Rosso per l’America e blu per l’Oceania.
In questo modo non si considera l’Antartide, tralasciata in quanto disabitata, sebbene si tratti di una notevole estensione di terra emersa. Ma che cosa si intende con il termine “continente”?
Physical_worldSe si intende una “terra emersa circondata dall’oceano”, l’Europa risulta essere soltanto una penisola dell’Asia, che a sua volta è unita all’Africa. E sono unite anche le due Americhe. Secondo questo criterio continenti sono quindi 4: Eurafrasia (Europa, Africa  e Asia), America, Oceania e Antartide.
Ma esistono altri modelli che tengono conto di “affinità e differenze storiche e culturali” oltre che geografiche.
E allora i continenti aumentano di numero. Vi sono due possibilità di  individuarne sei: alcuni considerano Europa, Asia, Africa, America, Oceania e Antartide, mentre per altri sono: Eurasia, Africa, Nordamerica, Sudamerica, Oceania e Antartide.
Separando tutte le aree i continenti arrivano a sette, il modello oggi più utilizzato: Europa, Africa, Asia, Nordamerica (che comprende l’America centrale), Sudamerica, Oceania e Antartide.

superficieContinenti a confronto
tab_densita
I continenti sono molto diversi come dimensioni e come abitanti. L’Asia è il più vasto, quello con più abitanti e anche il più densamente popolato, mentre l’Europa si popolazioneclassifica al penultimo posto come superficie, anche se come densità risulta seconda.
Molto diversa è anche la conformazione del territorio, e, se conosciamo abbastanza bene il nostro continente, conosciamo meno gli altri. L’Europa lungo la linea del Caucaso e degli Urali si salda con l’Asia, l’immenso continente contornato sugli lati da archi di isole che delimitano mari interni, mentre la massa compatta dell’Africa contrasta con la frammentazione della vicina Asia meridionale in una miriade di isole e penisole che si protendono a raggiungere l’Australia.
Simili e diverse nello stesso tempo le due Americhe. Entrambe di forma triangolare con un vertice che spinge a sud, segnate a ovest da una lunga catena di montagne e a est dal vaste pianure, differiscono nelle coste. Il Sudamerica, come l’Africa, è compatto, mentre il Nordamerica a nord e a sud è circondato da isole. Sul Mar Glaciale Artico si divide in migliaia di isole, quasi sempre coperte dai ghiacci, chiuse verso l’Atlantico dalla Groenlandia, la più grande isola della Terra.
L’Oceania, il continente più piccolo, si presenta con un duplice aspetto: la massa dell’Australia che si contrappone alla moltitudine di arcipelaghi che punteggiano l’Oceano AntarcticBedrock2pacifico meridionale.
L’Antartide è un continente particolare: quasi completamente coperto dai ghiacci della calotta glaciale, è disabitato. La sua forma vagamente circolare presenta due rientranze coperte dalla banchisa, ma, se la calotta di ghiaccio si ritirasse, la parte emersa risulterebbe molto ridotta (immagine).

Il polo dell’inaccessibilità
Nelle zone interne dei continenti viene individuato il “polo dell’inaccessibilità”, il punto del continente più distante da mari e oceani.
Sovente si trova in aree desertiche perché la grande distanza dal mare influisce sul clima (detto continentale) riducendo le precipitazioni e aumentando l’escursione termica: le estati diventano torride mentre gli inverni sono molto freddi. Continental_pole_of_inaccessibilityNaturalmente vi sono altri fattori che possono amplificare l’effetto, come la presenza di rilievi che bloccano i venti e le nubi, o ridurlo, come la presenza di fiumi che favorisce la crescita della vegetazione che porta umidità.
Il polo dell’inaccessibilità dell’Eurasia (in questo caso l’Europa è da considerare una penisola) il più distante dai mari di tutta la Terra. Si trova a 2645 km dalla costa più vicina nel deserto di Dzoosotoyn Elisen in Cina (regione dello Xinjiang, a nord del Bacino del Tarim, alle coordinate 46°17′N 86°40′E).
Africa_polo_inaccessibilitàIn Africa il polo dell’inaccessibilità si trova nella Repubblica Centrafricana (coordinate: 5°39′00″N 26°10′12″E), a 1814 km dalla costa.
Nordamerica_polo_inaccessibilitàNel Nordamerica si trova negli Stati Uniti d’America nella parte sud occidentale del Sud Dakota (coordinate: 43°26′N 102°23′W), a 1650 km Sudamerica_polo_inaccessibilitàdalla costa.
Nel Sudamerica è situato al limite settentrionale del Mato Grosso (coordinate: 14°03′S 56°51′W) e Australia_polo_inaccessibilitàdista 1.510 km dalla costa.
Nell’Oceania è localizzato al centro dell’Australia, nel deserto 180 km a nord-ovest di Alice Spring (coordinate: Antartide_polo_inaccessibilità23°02′S 132°10′E), a 920 km dalla linea costiera.
Nell’Antartide il punto più distante dalla costa non è il Polo Sud ma a 463 km di distanza, alle coordinate 82°06′ S 54°58′ E. Qui nel 1958 venne stabilita una base sovietica poi abbandonata.

Fare Geo
• Osserva le diverse ripartizioni dei continenti terrestri riportate (con 4, 5, 6 o 7 continenti), individua quella che ritieni più adatta a descrivere la forma delle terre emerse e motiva la tua scelta.
• Prepara un grafico con la densità di popolazione dei continenti.

In «Geografia fisica»

Il luogo del mese: la diga e il lago di Lei

19/03/2019 da Carlo Guaita

Al confine tra Italia e Svizzera, a circa 2000 m di quota, sorge un capolavoro dell’ingegneria degli anni Cinquanta: è la grande diga della val di Lei, costruita per produrre energia idroelettrica. Il lago artificiale creato dallo sbarramento occupa la lunga valle, rendendola simile a un fiordo...

leggi

Atlarte, percorsi di Geografia e Arte: la Provenza di Cézanne

05/03/2019 da Francesco Cassone

Abbiamo inaugurato il percorso interdisciplinare dedicato al dialogo tra geografia e rappresentazione artistica con un itinerario alla scoperta della Provenza di Van Gogh. Esploriamo ora la stessa regione dal punto di vista del pittore Cézanne...

leggi

“Fotografi di classe” 2019: il kit didattico per scattare al meglio - 1

28/02/2019 da Redazione Geografia

L’edizione 2019 del concorso “Fotografi di classe”, dal tema “Il Paese che vorrei. Scatti e immagini dal futuro dell’Italia”, chiede agli studenti di rappresentare con la fotografia i luoghi da preservare e da recuperare per il futuro...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA