Tornado su Taranto

30/11/2012

Il 28 novembre un violento tornado ha devastato Taranto terminando il suo tragitto proprio sullo stabilimento dell’Ilva, la fabbrica che negli ultimi tempi è “nell’occhio del ciclone” per motivi non “naturali”, ma sempre “ambientali”  (La Stampa).
E nell’acciaieria “chiusa” per inquinamento la furia della tromba d’aria ha fatto una vittima: un operaio che si trovava nella cabina di una gru presa dai vortici del vento e scaraventata in mare.
Sul Corriere della Sera e su La Stampa si possono osservare alcuni video del tornado in azione: un lampo blu segna il momento in cui il vortice si scarica al suolo colpendo lo stabilimento e mettendo in corto circuito l’impianto elettrico; un black out che ha fatto scattare all’Ilva il protocollo di emergenza, ma ormai i danni erano già avvenuti.
Il vento a 200 km all’ora ha devastato tutta la città distruggendo ogni cosa: pali divelti, capannoni crollati e anche auto trasportate e accatastate una sull’altra. L’area più colpita è stata quella del porto, dove si trovava la gru gettata in mare. Un’altra gru è stata sbattuta contro una nave ormeggiata, ma fortunatamente non ci sono altre vittime.
Il tornado si è formato sulla Calabria, per poi spostarsi verso nord aumentando di intensità. Nella carta alto si può vedere il percorso seguito che si conclude ne porto di Taranto.

I tornado: un rischio in aumento
Sull’Italia si sono sempre verificati tornado, ma si trattava di eventi sporadici e generalmente non troppo violenti. Ma negli ultimi anni il fenomeno sembra proprio essersi amplificato. Colpisce con più frequenza e con maggior violenza. In questo secolo i più violenti sono stati quello della Brianza nel luglio 2001 che ha scoperchiato capannoni e spostato di 200 metri automobili, poi nel giugno 2009 un tornado ha fatto molti danni in provincia di Treviso, mentre a giugno di quest’anno è stata la volta di Venezia (vedi blog) e dopo pochi mesi di Taranto.

In «Ambiente»

Dal turismo d’evasione al turismo d’invasione

08/02/2019 da Daniela Campora

Come è cambiato nel tempo il concetto di viaggio e come si è trasformato in turismo di massa? E quali sono le conseguenze di un fenomeno in costante crescita? Il problema del sovraffollamento non sostenibile delle destinazioni turistiche, definito “overtourism”, va combattuto praticando il turismo responsabile, che rispetta il territorio e le popolazioni locali...

leggi

La Via della Seta Polare: dalla Cina all’Europa attraverso l’Artico

05/02/2019 da Enzo Fedrizzi

Ispirato all’antica Via della Seta, il progetto cinese Belt and Road Initiative prevede lo sviluppo di tre vie commerciali tra Cina ed Europa: una terrestre, una marittima e una polare. La Via della Seta Polare, che attraverserà l’Oceano Artico, sta diventando praticabile nei mesi estivi grazie al progressivo scioglimento della calotta glaciale, dovuto al riscaldamento globale...

leggi

Crescita della popolazione mondiale: quanti saremo nel 2050?

12/11/2018 da Enzo Fedrizzi

Si parla sempre meno dei dati di crescita della popolazione mondiale nel mondo, ma è un problema ancora attuale. Lo dimostrano i dati demografici del rapporto delle Nazioni Unite “World Population Prospects...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA