Il turismo sostenibile secondo la Dichiarazione di Berlino

04/12/2018

Il turismo è un’attività economica “trasversale” che può incidere positivamente sulla vita quotidiana dei locali, sull’ambiente e sulla cultura. Come abbiamo visto nel post Metti in Agenda il turismo, quello responsabile!, perché ciò accada è necessario cambiare l’attuale modello turistico non responsabile: la Dichiarazione di Berlino incoraggia a farlo promuovendo il turismo sostenibile.

 

A marzo 2017 oltre 30 rappresentanti di ONG, movimenti popolari e mondo accademico, provenienti da 19 Paesi, hanno firmato la Dichiarazione di Berlino “Trasformare il turismo”. Con questo documento si sono impegnati a dare il loro contributo per rinnovare il turismo, in quanto strumento fondamentale per raggiungere i 17 obiettivi di sviluppo sostenibile dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite.

La Dichiarazione, infatti, afferma che: “solo il turismo che contribuisce al miglioramento del benessere dei locali, alla dignità dei lavoratori, all’integrità dell’ambiente, così come alla eliminazione dello sfruttamento, delle ineguaglianze e della povertà è un’opzione significativa per lo sviluppo sostenibile”. Lo sviluppo turistico, quindi, deve innanzitutto promuovere i diritti umani e l’autodeterminazione per le comunità locali, garantendo una distribuzione equa e ampia dei benefici economici e sociali.

Il turismo deve diventare un’esperienza positiva, non solo per gli ospiti, ma anche per i locali, e rafforzare la comprensione e il rispetto reciproci. Il suo elemento chiave è l’incontro, cioè entrare in relazione con le persone, l’ambiente e la diversità.

dichiarazione-berlino
Alla base del viaggio dovrebbe esserci una forza che ci spinge ad affrontare l’ignoto per ottenere un cambiamento: per esempio conoscere e migliorare noi stessi, per crescere come individui e come società. L’esperienza turistica di oggi, però, segue un modello consumistico incompatibile con lo sviluppo sostenibile e con un approccio incentrato sulle persone. Includendo il turismo tra i suoi obiettivi, l’Agenda 2030 ne riconosce l’influsso globale e al tempo stesso ci affida la responsabilità di cambiarlo, conferendogli un potere di trasformazione positiva nel mondo.

 

Daniela Campora

 

FARE GEO

  • Leggi il punto 1 (Riflessione sull’Agenda 2030) della Dichiarazione di Berlino e discutine in classe con i tuoi compagni.
  • Immagina di provenire da un altro pianeta e di scoprire il fenomeno del turismo sulla Terra e i suoi effetti negativi (li trovi al punto 2 della Dichiarazione). Fai una lista delle conseguenze che si avrebbero per l’umanità eliminando il turismo. Elenca anche le soluzioni che consentirebbero di risolvere i problemi legati al turismo senza eliminarlo (confrontale con le proposte indicate ai punti 3 e 4 della Dichiarazione).

In «Cittadinanza»

Metti in Agenda il turismo, quello responsabile!

19/11/2018 da Daniela Campora

L’Agenda 2030 per lo Sviluppo Sostenibile e i suoi 17 obiettivi, cruciali per la sopravvivenza del pianeta, sono uno stimolo per tutti i Paesi – sviluppati e non – a costruire un mondo rispettoso dell’ambiente e dell’umanità...

leggi

La città dalle strade senza nome

04/10/2018 da Francesco Cassone

La medievale Sarlat, nel sud-ovest della Francia, è uno dei borghi più belli di Francia e ha una suggestiva peculiarità: molte delle vie del suo centro storico non hanno nome. Questa caratteristica dal sapore antico contrasta però con le necessità del mondo contemporaneo, in particolare quella di avere una connessione Internet...

leggi

Giornata mondiale del turismo: scopri la trasformazione digitale e il turismo responsabile

27/09/2018 da Daniela Campora

Inauguriamo con questo post una serie di contributi per illustrare alcune tra le più significative esperienze di turismo responsabile e per formare le giovani generazioni a considerare gli effetti e le ricadute del turismo a livello economico, sociale e culturale...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA