Un dato di fatto: la Terra si riscalda sempre più rapidamente

01/04/2014

La Terra è più calda. Basta confrontare i dati di oggi con quelli del secolo scorso per constatarlo: le temperature medie sono aumentate, i ghiacci si stanno sciogliendo e il livello del mare sale. Cambiamenti dovuti essenzialmente all’aumento dell’effetto serra, dovuto in gran parte alle attività umane (ANSA). Questo quanto risulta dal rapporto scientifico “Cambiamento climatico 2014: Impatti, adattamento e vulnerabilità” del Working Group II dell’IPCC presentato il 31 marzo nella riunione tenutasi a Yokohama.
Il mutamento del clima ha portato a un aumento di eventi meteorologici estremi che possono mettere a rischio la biodiversità delle specie animali e vegetali, ed avere gravi conseguenze sulla società umana. Aumentano le inondazioni, mentre in altre zone si riducono le piogge e la siccità mette a rischio i raccolti, diminuendo la disponibilità di cibo per una popolazione che continua a crescere.
IPCC_2013Il rapporto fornisce le conoscenze necessarie perché si prendano le giuste decisioni su come intervenire per contrastare il riscaldamento globale. Si unisce al rapporto già presentato dal Working Group I nel settembre 2013 (Climate Change 2013: The Physical Science Basis(www.climatechange2013.org) e sarà completato dal rapporto del Working Group III sui metodi per limitare i cambiamenti climatici che sarà presentato a Berlino fra pochi giorni.
E’ essenziale che il mondo prenda coscienza del ritmo attuale del global warming e della necessità di attuare scelte consapevoli per ridurlo, perché la Terra del 2100 potrà essere molto diversa in relazione alle scelte fatte oggi dai politici.  Sul sito dell’IPCC è disponibile un video divulgativo.

IPCC_CO2_CH4_flussi

Il ciclo del carbonio presente nell’aria, nel terreno e nelle acque sotto forma di biossido di carbonio (CO2) e di metano (CH4) .

L’IPCC prevede quattro scenari (detti  RCP2.6, RCP4.5, RCP6 e RCP8.5) che dipendono dalla quantità di gas serra emessi nei prossimi anni: l’RCP2,6 prevede che le emissioni arrivino a +2,6W/m² rispetto al livello pre-industriale, mentre l’RCP8,5 prevede un aumento di 8,5W/m².

L’IPCC
L’IPCC (Intergovernmental Panel on Climate Change) è il gruppo dell’ONU, creato nel1988, che riunisce l’Organizzazione meteorologica mondiale (WMO) e il Programma delle Nazioni Unite per l’Ambiente (UNEP) e si occupa di analizzare il cambiamento climatico in atto. Non raccoglie dati, ma valuta le relazioni scientifiche sui cambiamenti climatici pubblicate e prepara i rapporti di valutazione destinati in particolare all’attenzione dei governi.
IPCC_variazione_temp_L’IPCC è formato da tre gruppi di lavoro:
• Working Group I: si occupa di analizzare le basi scientifiche dei cambiamenti climatici in atto e valutare lo stato attuale del pianeta.
Working Group II: si occupa di analizzare l’impatto dei cambiamenti sull’ambiente e sulle attività umane e dei mezzi IPCC_variazione_ghiaccioper adattarle alla nuova situazione.
Working Group III: si occupa dei mezzi per ridurre le emissioni di gas serra.
Quello attuale è il quinto rapporto prodotto dalla creazione del gruppo. Il primo risale al 1990, il secondo al 1995, il terzo al 2001 e il quarto al 2007, anno in cui l’IPCC ha

Le variazioni di temperature previste in questo secolo nelle diverse zone del globo: naturali e dovute all’azione dell’uomo

Le variazioni di temperature previste in questo secolo nelle diverse zone del globo: naturali e dovute all’azione dell’uomo

ricevuto il Nobel per la Pace per l’impegno nel diffondere la conoscenza sui cambiamenti climatici dovuti al riscaldamento globale.

IPCC_variazione_temp_precip

Variazioni medie della temperatura e delle precipitazioni tra il 1986-2005 e quanto è previsto nel 20181-2100 secondo due diversi scenari.

Fare Geo
• In questa pagina trovi alcuni dei grafici allegati alla relazione del  Working Group I. Sono messe a confronto le previsioni secondo i diversi scenari scelti.
Scegline due, osservali e prepara per ciascuno una didascalia di commento.IPCC_variazione_temp_1901-2012
• Spiega perché non è sempre indicato lo scenario utilizzato.

In «Ambiente»

Alla scoperta di biomi ed ecoregioni

14/06/2018 da Silvia Minucci

Nella seconda metà del secolo scorso sono stati proposti alcuni schemi di classificazione degli ambienti. L’ultimo, realizzato nel 1998 da un team di biologi per il WWF, ha individuato 14 biomi terrestri, costituiti da oltre 800 ecoregioni, che a loro volta comprendono differenti ecosistemi...

leggi

Giornata mondiale dell’ambiente 2018: per un mondo senza plastica

05/06/2018 da Silvia Minucci

Il 5 giugno si celebra la Giornata mondiale dell’ambiente, istituita nel 1972 dall’Onu con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dell’inquinamento e della tutela ambientale...

leggi

5 attività da non perdere per giovani geografi in vacanza

29/05/2018 da Luca Montanari

Le vacanze estive si avvicinano a grandi passi e per i giovani studiosi di geografia è il momento di immaginare e programmare semplici attività con cui registrare, immortalare e documentare i luoghi visitati...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA