Un’isola che è quasi un continente

04/07/2016

Australia-Greenland_size_comparison.svgVasta quasi un  terzo dell’Australia, la Groenlandia, con un’estensione di 2.130.000 km² (sette volte l’Italia), è la più grande isola della Terra. Ma le dimensioni non sono l’unico record detenuto da questa terra.
Nel suo interno si trova un’immensa calotta glaciale di oltre due milioni di km³ di ghiaccio, che nella zona centrale arriva a oltre 3.000 m di spessore: la più grande fuori dell’Antartide. Vista dallo spazio l’isola  appare come un’immensa distesa di soffice panna montata.
Topographic_map_of_Greenland_bedrock
Sotto la coltre di ghiaccio si nasconde il più grande canyon mai scoperto, una fossa lunga 750 km e profonda 800 m, scoperta dai radar della NASA soltanto nel 2013 (National Geographic).
Il peso della massa di ghiaccio ha fatto abbassare il suolo e il ghiaccio scendendo verso il mare ha scavato le rocce. Nella parte centrale il fondale del canyon si trova per gran parte sotto il livello del mare.Oodaaq

Oodaaq, un isolotto di ghiaia di circa 100 m² poco distante dalla costa settentrionale della Groenlandia è la terra emersa più a nord del mondo, a 750 km dal Polo.
Greenland_Ilulissat-36Dalla calotta che ricopre l’isola i ghiacciai si protendono nei fiordi scendendo fino al mare e liberando grandi iceberg. Il ghiacciaio Sermeq Kujalleq (in danese Jakobshavn), lungo la costa occidentale, è il più vasto al mondo al di fuori dell’Antartide e uno dei più veloci: si sposta a una velocità di circa 20 metri al giorno e arriva al mare nel fiordo presso Ilulissat, Patrimonio Unesco. Da questo ghiacciaio si stacca il 10% degli iceberg della Groenlandia.
La Groenlandia si trova nel contente nordamericano, mentre politicamente appartiene alla Danimarca e fa parte del Regno danese (Europa), ma ne costituisce solo una dipendenza, sebbene abbia grande autonomia e non sia entrata nell’Unione Europea. L’isola è il più grande territorio “dipendente”  esistente oggi. Soltanto la bassa fascia costiera costeggiata da migliaia di isole è libera dai ghiacci. Qui abitano circa 56mila persone che vivono di pesca e turismo. Una densità di 0,03 ab/km², la più bassa del mondo per un territorio abitato (DeA WING).

La Groenlandia di ieri
Oggi la Groenlandia non è certo una terra ospitale e non corrisponde al significato del suo nome, in inglese “Greenland”, “terra verde”. Nelle poche zone non coperte dai ghiacci cresce la bassa vegetazione della tundra e solo nella punta meridionale si alzano alcuni alberi.
Ma il clima dell’isola non è sempre stato gelido come oggi. Il clima della Terra è cambiato più volte nel corso delle ere e si è scoperto che circa un milione di anni fa, durante un periodo interglaciale particolarmente caldo, qui crescevano foreste di abeti rossi, pini, ontani, tassi, betulle, pioppi.. che ospitavano numerosi animali.
Hvalsey_ChurchAnche in epoche recenti il clima, seppure sempre piuttosto freddo, permetteva la crescita di una vegetazione più ricca: circa mille anni fa, quando fu raggiunta dai Vichinghi provenienti dall’Islanda, le sue coste erano verdeggianti e permettevano lo sviluppo dell’agricoltura. Ma qualche secolo dopo le temperature si abbassarono, i Vichinghi la abbandonarono  e sull’isola rimasero i Thule, antenati degli Inuit (a lato un rudere risalente all’ultima fase dell’occupazione vichinga).

La Groenlandia di domani
E l’isola continuerà a mutare e in un futuro forse non troppo lontano tornerà ad essere verde. Uno studio condotto da ricercatori danesi della Aarhus University sulle variazioni dell’ambiente della Groenlandia prevede che nel 2100 l’isola, in cui crescono spontaneamente soltanto cinque specie di alberi, potrebbe ospitarne dieci volte di più. I cambiamenti sono già visibili, come si può notare da due immagini scattate nello stesso luogo nel 1930 e nel 2014 (3bmeteo).Groenlandia_1930-2014
Groenlandia_oggi-domaniE, se la sua calotta di ghiaccio scomparisse completamente, la Groenlandia non sarebbe più riconoscibile. Riapparirebbe il vasto bacino interno oggi sommerso dai ghiacci che, con il salire del livello dei mari, si unirebbe all’oceano trasformando l’isola in un arcipelago.
Qui a lato un’ipotesi di come diventerebbe la Groenlandia dopo lo scioglimento totale dei ghiacci.


 

Fare Geo

  • Fai una ricerca e individua le isole che hanno una superficie superiore a quella dell’Italia: quante sono?
    Per ciascuna cerca alcuni dati: il continente di cui fa parte, l’oceano o il mare in cui si trova, la sua estensione, a quale Stato (o quali) appartiene. Riporta quanto hai scoperto su un planisfero.
  • Descrivi l’aspetto della Groenlandia dopo la scomparsa dei ghiacci.

In «Geografia fisica»

Dal turismo d’evasione al turismo d’invasione

08/02/2019 da Daniela Campora

Come è cambiato nel tempo il concetto di viaggio e come si è trasformato in turismo di massa? E quali sono le conseguenze di un fenomeno in costante crescita? Il problema del sovraffollamento non sostenibile delle destinazioni turistiche, definito “overtourism”, va combattuto praticando il turismo responsabile, che rispetta il territorio e le popolazioni locali...

leggi

La Via della Seta Polare: dalla Cina all’Europa attraverso l’Artico

05/02/2019 da Enzo Fedrizzi

Ispirato all’antica Via della Seta, il progetto cinese Belt and Road Initiative prevede lo sviluppo di tre vie commerciali tra Cina ed Europa: una terrestre, una marittima e una polare. La Via della Seta Polare, che attraverserà l’Oceano Artico, sta diventando praticabile nei mesi estivi grazie al progressivo scioglimento della calotta glaciale, dovuto al riscaldamento globale...

leggi

Atlarte, percorsi di Geografia e Arte: la Provenza di Van Gogh

30/01/2019 da Francesco Cassone

Inauguriamo qui un percorso interdisciplinare dedicato al dialogo tra geografia e rappresentazione artistica. Nel corso della storia pittura e fotografia si sono rivelate uno strumento indispensabile per documentare il territorio, interpretarlo e studiarne le trasformazioni...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA