World Wonders Project: da Google le meraviglie del mondo sul nostro schermo

31/01/2013

Il progetto culturale World Wonders, che Google sta portando avanti in collaborazione con l’Unesco, ci permette di visitare, stando comodamente seduti in poltrona, le bellezze di paesaggi lontani. Possiamo immergerci nella grande barriera corallina dell’Australia, ammirare l’antica Pompei, percorrere il Grand Canyon o osservare la capanna di Scott tra i ghiacci dell’Antartide.
Basta collegarci al sito del progetto (disponibile in italiano) per scegliere la nostra meta.

Sono sempre di più i paesaggi disponibili, catturati con la tecnologia di Street View, che consente di muoversi per osservare a 360° l’ambiente che abbiamo selezionato. Se siamo in difficoltà, possiamo utlizzare il video guida, in inglese con traduzione in italiano.
Sono 19 i Paesi e 132 le località in cui possiamo recarci, ma la lista continuerà ad aumentare.
Il sito ha una sezione particolare destinata alla didattica in cui è possibile scaricare materiale utile, tra cui la guida per gli insegnati della scuola secondaria italiana su come utilizzare il sito per attività di storia e geografia e una serie di proposte specifiche.

Fare Geo
Accedete al sito e scegliete una meta. Osservatela e individuate gli elementi più interessanti, poi cercate in rete altre notizie e preparate una guida di accompagnamento per il viaggio virtuale in cui accompagnerete i vostri amici.

 

 

In «Geografia socio-economica»

Dal turismo d’evasione al turismo d’invasione

08/02/2019 da Daniela Campora

Come è cambiato nel tempo il concetto di viaggio e come si è trasformato in turismo di massa? E quali sono le conseguenze di un fenomeno in costante crescita? Il problema del sovraffollamento non sostenibile delle destinazioni turistiche, definito “overtourism”, va combattuto praticando il turismo responsabile, che rispetta il territorio e le popolazioni locali...

leggi

La Via della Seta Polare: dalla Cina all’Europa attraverso l’Artico

05/02/2019 da Enzo Fedrizzi

Ispirato all’antica Via della Seta, il progetto cinese Belt and Road Initiative prevede lo sviluppo di tre vie commerciali tra Cina ed Europa: una terrestre, una marittima e una polare. La Via della Seta Polare, che attraverserà l’Oceano Artico, sta diventando praticabile nei mesi estivi grazie al progressivo scioglimento della calotta glaciale, dovuto al riscaldamento globale...

leggi

Il luogo del mese: Ganvié

25/01/2019 da Carlo Guaita

Una pacifica popolazione, per sfuggire a nemici feroci e senza scrupoli, si rifugiò in una vasta zona lagunare, dove costruì una città su palafitte. Sembra la storia della fondazione di Venezia, ma non stiamo per descrivere l’alto Adriatico, bensì un contesto geografico e ambientale molto diverso e lontano dall’Italia: quello di Ganvié, una città del Benin, in Africa...

leggi
© 2015-2019 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA