Yellowstone: il petrolio torna a far paura

05/07/2011

La marea nera torna negli USA. Questa volta non in mare, ma nel fiume Yellowstone. Nelle sue acque si sono riversati circa mille barili di petrolio (oltre 160,000 litri) in seguito alla rottura di un oleodotto della Exxon Molbil vicino alla città di Laurel. La notizia su Rainews24. E sono ancora incerti la quantità esatta di petrolio riversato, la vastità di territorio compromesso e il danno ambientale nelle acque del fiume e sulle sue rive.

I tecnici stanno lavorando per raccogliere il greggio, ripulire il fiume e limitare i danni. È difficile valutare quali saranno le conseguenze, sia per le acque dello Yellowstone, ricco di pesci, sia per gli agricoltori, dato che i terreni coltivati lungo le rive dipendono dal fiume per l’approvvigionamento idrico.
Secondo l’azienda petrolifera i danni sono limitati a un tratto di fiume lungo 16 km, ma l’Agenzia per la protezione ambientale segnala la presenza del petrolio a 64 km di distanza dal punto della rottura e si teme anche che la quantità di perolio fuoriuscita sia superiore a quanto dichiarato.
In poco più di un anno questo è il secondo grave incidente petrolifero avvenuto nel Paese: nell’aprile 2010 l’esplosione della piattaforma petrolifera DeepWater Horizon nel Golfo del Messico causò il più grave disastro ecologico che si ricordi, con cinque milioni di barili dispersi in mare.

Per fare geo

I principali fiumi degli Stati Uniti con i maggiori affluenti

L’incidente è avvenuto poco a valle del famoso Parco Nazionale di Yellowstone. Cercate il fiume Yellowstone, lungo circa 1100 km, sulla carta qui a lato e individuate il luogo dell’incidente. Potete localizzare la città di Laurel su Google Maps utilizzando come riferimento i confini degli Stati.
Seguite il corso dello Yellowstone: in quale fiume sbocca? E’ un corso d’acqua che arriva al mare o ancora un affluente? E in questo caso di quale altro fiume?
Proseguite seguendo il corso delle acque fino a raggiungere il mare: dove si trova la foce? Nell’Oceano Pacifico o nell’Atlantico?

In «Ambiente»

Alla scoperta di biomi ed ecoregioni

14/06/2018 da Silvia Minucci

Nella seconda metà del secolo scorso sono stati proposti alcuni schemi di classificazione degli ambienti. L’ultimo, realizzato nel 1998 da un team di biologi per il WWF, ha individuato 14 biomi terrestri, costituiti da oltre 800 ecoregioni, che a loro volta comprendono differenti ecosistemi...

leggi

Giornata mondiale dell’ambiente 2018: per un mondo senza plastica

05/06/2018 da Silvia Minucci

Il 5 giugno si celebra la Giornata mondiale dell’ambiente, istituita nel 1972 dall’Onu con l’obiettivo di sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema dell’inquinamento e della tutela ambientale...

leggi

5 attività da non perdere per giovani geografi in vacanza

29/05/2018 da Luca Montanari

Le vacanze estive si avvicinano a grandi passi e per i giovani studiosi di geografia è il momento di immaginare e programmare semplici attività con cui registrare, immortalare e documentare i luoghi visitati...

leggi
© 2015-2018 De Agostini Scuola - P.IVA 01792180034 - De Agostini Scuola S.p.A. è certificata UNI EN ISO 9001 da RINA